Home News Precipita da una scogliera: il cane va a chiamare i soccorsi

Precipita da una scogliera: il cane va a chiamare i soccorsi

CONDIVIDI

A Gleesons, nel sud della penisola di Yorke, nel Regno Unito, una coppia stava passando una vacanza, in campeggio con il cane di nome Abby. Un soggiorno idilliaco che si stava per trasformare in una vera e propria tragedia. Infatti, la moglie di Michael, Sue Pethicks ha rischiato di perdere la vita quando durante una passeggiata con il cane è precipitata da una scogliera, perdendo i sensi.

Dopo diverse ore, non vedendo tornare la moglie, Micheal ha iniziato a preoccuparsi fino a quando non ha visto la dolce Abby, fare ritorno da sola.

“Quando l’ho visto tornare e Sue non c’era, ho capito che qualcosa non andava”, ricorda il marito che ha poi chiamato il cane, sussurrandogli “portami da lei”.

A quel punto, Abby avrebbe iniziato a correre in una direzione, fermandosi di netto in un parcheggio che si affacciava sulla scogliera: “Si è fermata e fissava verso il basso e poi mi guardava”.

Proprio in quel punto, Sue Pethicks era scivolata, provocandosi una grave ferita alla schiena e ad una caviglia. Come sempre, in quel punto, il cellulare non aveva campo e mentre il marito, preso dal panico si era allontanato per chiamare i soccorsi, due donne che stavano sulla spiaggia a fare surf si sono precipitate da Sue Pethicks, restando vicino a lei, in attesa degli aiuti.

“Vederla arrivare da me e insistere per portarmi da Sue, è stata una di quelle esperienze che si leggono. E’ stato davvero incredibile”, ha commentato Michael in un’intervista ai media locali.

Per recuperare e stabilizzare la donna, gli operatori hanno impiegato ben due ore, riuscendo alla fine a tirarla fuori dal precipizio. Secondo le indiscrezioni, saranno necessari diversi interventi e molto tempo prima che Sue Pethicks possa tornare a camminare. Di sicuro, non dovrà temere nulla con al fianco la piccola Abby che ha saputo dimostrare tutta la sua intelligenza e devozione nei riguardi dell’amata padrona.

Una storia davvero incredibile come molte altre nelle quali i nostri compagni a 4zampe mostrano le loro straordinarie capacità ma anche l’affetto e la simbiosi che hanno creato con i loro padroni. Chi non amerebbe sentirsi protetto in questo modo?