Home News Preoccupazione per la gatta dell’ex Basilica di Santa Sophia

Preoccupazione per la gatta dell’ex Basilica di Santa Sophia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:06
CONDIVIDI

Santa Sophia malgrado le proteste diventa una Moschea e in molti si stanno chiedendo che fine farà Gli la dolce gatta che da tempo vive nell’ex basilica. 

L’ex basilica bizantina di Santa Sophia che fino ad oggi era stata adibita a museo è stata trasformata in una Moschea e in molti si stanno chiedendo che fine farà la bellissima gatta grigia diventata famosa nel 2009 dopo che l’ex presidente degli stati uniti Barak Obama si era fermato a coccolarla durante una visita.

Potrebbe interessarti anche:Il gatto si insinua sotto le vesti del prete durante il sermone

Il gatto di Santa  Sophia

Santa  Sophia di Istanbul è stata adibita a Moschea e in moltissimi si stanno chiedendo quale sarà la sorte del felino grigio che vive lì da tempo. Dopo la visita di Barak Obama per il gatto, una delle guide turistiche aveva aperto una pagina Instagram dove circa 48.000 follower seguono il felino e le sua avventure.

Il gatto era infatti diventata la  guardiana indiscussa del museo conquistando la popolazione internazionale e ricevendo molta fama e celebrità, non solo sui social ma in tutta la Turchia.

Ora però si teme per il gatto famoso quasi quanto l’antica Basilica di Santa  Sophia di Istanbul, diventando una Moschea e non essendo  più un museo molti si sono chiesti se al felino sarà permesso continuare a soggiornare all’interno delle mura.

Le autorità hanno rassicurato i fan del gatto asserendo che nessuno potrà mai cacciare il micio e che la Moschea potrà essere sempre la sua casa

Ibrahim Kalin, portavoce del presidente Tayyip Erdogan, ha infatti assicurato che il dolce felino grigio e tutti gli altri gatti della zona, sarebbero rimasti dove erano.

Quel gatto è diventato molto famoso, e ci sono altri che non sono ancora diventati così famosi”.” Quel gatto resterà lì, e tutti i gatti sono i benvenuti nelle nostre moschee”.

A quanto sembra quindi la gatta con gli occhi leggermente incrociati dal nome Gli che dovrebbe significare “Unione dell’amore” potrà continuare a svolgere la sue mansioni di padrona di casa oltre che di guardiana.

Il gatto è infatti diventato una delle attrazioni principali e ogni volte che arrivano dei turisti in visita  si mette in posa per le fotografie come una vera e propria modella.

L.L.