Home News Il progetto di Bill Gates: “Una super-mucca per sfamare l’Africa”

Il progetto di Bill Gates: “Una super-mucca per sfamare l’Africa”

CONDIVIDI
Bill Gates
(Jamie McCarthy/Getty Images)

Okja, un film del coreano Bong Joon Ho, prodotto da Netflix, racconta la storia di un super maiale, che lotta per sfuggire alla macellazione intensiva. Quella di modificare geneticamente gli animali in modo che producano di più è una pratica diffusa. Che va ben oltre l’immaginario e la finzione cinematografica. Vista da molti come estremamente rischiosa o come una forma di sfruttamento gravissima, c’è chi crede nei suoi benefici. E’ il caso, ad esempio, di Bill Gates, fondatore e presidente onorario di Microsoft, considerato uno degli uomini più ricchi del pianeta.

Negli anni, Bill Gates si è distinto per la propria filantropia e anche il progetto che ha di recente finanziato va in questa direzione. L’obiettivo del progetto, sviluppato dalla Ong “Global Alliance for Livestock Medicines”, è quello di sfamare le popolazioni più povere dell’Africa. Come? Creando animali geneticamente modificati capaci di resistere alle torride temperature africane. Gli animali sono anche destinati a produrre più latte. L’investimento di Bill Gates è ingente: oltre 40 milioni di dollari. L’ong ha sede a Edimburgo, in Scozia, e svolge ricerca sulla vaccinazione e la genetica del bestiame.

Cosa si sa della super-mucca?

Il progetto è allo stato embrionale e non si sa praticamente nulla di questi animali geneticamente modificati e in particolare della “super-mucca”. In ogni caso, Bill Gates ha già accennato alla possibilità di ricorrere all’inseminazione artificiale. Accompagnato dalla ministra britannica per lo sviluppo internazionale Penny Mordaunt, il miliardario Usa ha presentato nei giorni scorsi il progetto all’università di Edimburgo.

Bill Gates è apparso fortemente determinato: “L’impatto dei dollari investiti in questo campo è estremamente alto. Puoi avere una mucca che sarà quattro volte più produttiva, con la stessa aspettativa di vita”. Quindi ha elogiato il contributo della scienza allo sviluppo di questa tipologia di progetti. Poi mette in evidenza: “Per oltre un miliardo di persone che vivono nei Paesi più poveri, l’agricoltura e il bestiame sono un’ancora di salvezza contro la povertà”. Bill Gates ci tiene a sottolineare quanto sia importante questo progetto: “La scienza e la ricerca guidate dalle grandi menti qui a Edimburgo stanno facendo enormi progressi nel migliorare la salute e la produttività del bestiame”.

GM