Home News Russia, Putin firma il decreto che inasprisce le pene contro chi maltratta...

Russia, Putin firma il decreto che inasprisce le pene contro chi maltratta gli animali

CONDIVIDI

putin

Un importante provvedimento in favore degli animali giunge per mano di Vladimir Putin in persona. Il presidente russo ha infatti apposto la propria firma ad un provvedimento di legge per il quale aumenteranno le pene per coloro che si macchieranno di reati di maltrattamento a danni di animali. La legge federale è stata firmato due giorni fa ed inasprisce le sanzioni penali ed amministrative per chi sarà ritenuto colpevole di questo odioso comportamento. Il documento è stato pubblicato nel portale ufficiale delle informazioni legali del governo del paese. Secondo la nuova legge, la pena detentiva massima per abuso di animali è stata aumentata da due a cinque anni. I crimini commessi in presenza di un minore da un gruppo di persone previa accordo saranno puniti con una multa compresa tra 100.000 e 300.000 rubli (tra 1.700 e 5.100 dollari circa, al cambio tra i 1500 ed i 4300 euro) o fino a due anni di carcere

Inoltre, i reati più gravi possono essere puniti con pene di lavoro forzato fino a cinque anni o da tre a cinque anni di carcere. Saranno proprio le aggravanti ad essere considerate con un maggior peso specifico, d’ora in poi. E questa sembra essere una decisa risposta a quanto di odioso fatto da due ragazzine nel mese di ottobre del 2016, riconosciute colpevoli di aver smembrato diversi animali nella città di Khabarovsk, nell’estremo est della Russia.

Russia, Putin firma il decreto che inasprisce le pene contro chi maltratta gli animali

Le giovani, dell’età di 16 e 17 anni rispettivamente, torturavano cani e gatti e poi caricavano i video dei loro crimini sulla rete allo scopo di ottenere consensi. Invece così facendo hanno soltanto ottenuto insulti e l’odio da parte del mondo intero. Erano riuscite a giungere in possesso delle loro vittime grazie a diversi annunci di vendita ed in seguito a delle visite in appositi rifugi. In realtà i loro scopi erano dettati dalla pura malvagità. I media le hanno soprannominate ‘le aguzzine di Khabarovsk’. Si pensa che almeno 15 tra cani, gatti ed anche qualche altra specie animale sono periti a causa della loro follia. Le due giovani maniache si chiamano Alyona Savchenko ed Alina Orlova.

A.P.