Home News Riscaldamento globale: un aiuto dai cavalli per contrastarlo

Riscaldamento globale: un aiuto dai cavalli per contrastarlo

Nella giornata della Terra uno studio spiega come arrivano in aiuto i cavalli contro lo scioglimento del permafrost, causato dal riscaldamento globale.

scioglimento permafrost cavalli
Riscaldamento globale e scioglimento del permafrost: un aiuto dai cavalli (Foto Pixabay)

Uno studio – una simulazione computerizzata basata su dati reali sul campo – ha rivelato l’80% del permafrost globale potrebbe essere conservato per altri 80 anni grazie all’aiuto di alcuni erbivori. 

Riscaldamento globale, gas serra e scioglimento del permafrost: un aiuto dai cavalli

riscaldamento globale cavalli
Contro il riscaldamento globale l’emissione di gas serra arrivano i cavalli (Foto Pixabay)

Il permafrost è uno spesso strato di terreno che rimane ghiacciato tutto l’anno. A causa del clima in rapido riscaldamento nelle regioni artiche, gran parte del permafrost non è più congelato in modo permanente. Lo scongelamento del permafrost rilascia nell’atmosfera gas serra che sono stati sepolti nel terreno ghiacciato per decine di migliaia di anni.

Gli scienziati temono che questo meccanismo, riscaldando ulteriormente l’atmosfera, scongelando più terreno, rilasciando più gas serra e riscaldando ancora di più l’atmosfera, diventerà un ciclo pericoloso.

L’anno scorso le loro paure sono state confermate quando uno studio condotto dagli scienziati del Woods Hole Research Center ha rivelato che l’Artico non immagazzinava più tanto carbonio quanto ne emetteva nell’atmosfera.

Da oltre vent’anni lo scienziato Sergey Zimovda ha portato degli erbivori a Chersky, in Siberia, nell’area del permafrost che ha chiamato Pleistocene Park in omaggio all’ultima era glaciale. Il permafrost di Chersky è isolato e protetto dalle fredde temperature invernali dalla neve.

I cento animali portati da Zimovda, pascolando, hanno “dimezzato l’altezza media del manto nevoso”. Il permafrost ha perso il suo isolante ed esposto all’aria fredda si è congelato più intensamente.

La simulazione su scala globale condotta dall’Università di Amburgo e pubblicata su Scientific Reports conferma i risultati condotti da Zimovda.

Fonte: CBS News’ 60 minutes

Potrebbe interessarti anche:

T. F.