Home News Salina, salvati sei cani che vivevano in condizioni disumane

Salina, salvati sei cani che vivevano in condizioni disumane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23
CONDIVIDI

Altra storia di maltrattamento sugli animali. Meno male la storia ha un lieto fine, e grazie ai volontari dell’ENPA i cuccioli sono in salvo.

Cani (foto Pixabay)
Cani (foto Pixabay)

La storia di cui vi parleremo oggi, anche se triste, porta con sé un lieto fine. A Salina, isola appartenente all’arcipelago delle Isole Eolie, sono stati trovati sei cani in condizioni disumane. È da qui dunque che inizia la nostra storia.

Purtroppo la maggior parte delle volte, così come accade proprio nelle favole, tutto ha inizio con una disgrazia. Per la nostra gioia, comunque, il lieto fine arriva sempre con un salvataggio.

Potrebbe interessarti anche: Sadie, la cagnolina salvata da un corriere UPS

Salina, salvati sei cani che vivevano in condizioni disumane

Allevamento cani (Foto Adobe Stock)
Cani (Foto Adobe Stock)

A Salina, sei cani vivevano in condizioni disumane: denutriti e infestati da parassiti. Tenuti, dunque, in condizioni oltre ogni immaginazione sono finalmente in salvo grazie all’intervento dell’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA).

Summer, la protagonista della nostra storia che oggi compie sette anni, ha vissuto per anni in un cumulo di macerie ricoperto di escrementi.

La sua triste esperienza inizia quando una mamma e sua figlia grande decidono di prendere un cane.

Purtroppo la famiglia che ha adottato Summer è una di quelle che vive in difficoltà economica. Una di quelle situazioni in cui il degrado e il senso di sopravvivenza prendono il sopravvento.

Dato che la famiglia a stento riusciva a sostenersi, ha deciso dopo poco tempo di abbandonare la piccola Summer alla mercé del destino. La piccola, non sterilizzata, inizia a procreare e da qui inizia la tragedia.

La sezione ENPA di Santa Marina, che si sta occupando di Summer e dei suoi figli, è intervenuta in seguito alle lamentele dei vicini di casa.

Il cane, che spesso scappa dalla sua casa, trova sollievo presso una dimora non distante dalla casa del delegato Enpa di Santa Marina Antonello Battaglini. È lui che, non conoscendo la sua storia, la sfama e cerca di curarla.

In seguito alle segnalazioni però, l’ENPA è entrata in scena ed ha salvato i cagnolini. Sei cani infestati dalle pulci e che dormivano nei loro stessi escrementi, terrorizzati, magri, pieni di infezioni.

Questo ciò che hanno visto gli operatori una volta effettuato il sopralluogo. Un cagnolino va incontro ai volontari strisciando e facendosi addosso la pipì per la paura. Un suo fratellino invece era incastrato con una lenza. Chissà cosa sarebbe avvenuto se si fosse aspettato ancora un giorno prima di intervenire.

Per fortuna l’ENPA è riuscita a trarli in salvo. Oltre a ciò, i volontari hanno curato, pulito e sterilizzato i cani. Non solo. Per la prima volta, Summer e i suoi cuccioli hanno fatto una passeggiata, hanno provato il guinzaglio e si sono emozionati per l’affetto e le carezze ricevute.

I cani adesso stanno bene e si trovano al Rifugio Enpa Val Della Torre. Ora per loro si spera di trovare una nuova famiglia.