Home News Salva 250 animali domestici durante la guerra in Libia, portandoli in Tunisia

Salva 250 animali domestici durante la guerra in Libia, portandoli in Tunisia

CONDIVIDI

libia salva cani

“Se dovessi, lo rifarei”: è il commento del veterinario libico Jalal Kaal che durante la guerra, dopo la rivolta contro il dittatore Gheddafi, ha contribuito a salvare 250 animali domestici, tra cani, gatti, tartarughe, maialini d’India e un pappagallo, portandoli in Tunisia.

Kaal ha rilasciato un’intervista nella quale ha raccontato come, all’indomani della rivolta, molti stranieri sono scappati dalle loro case e sono dovuti tornare nel loro paese, senza poter portare i loro compagni a 4zampe. In molti hanno chiamato l’aeroporto per poterli recuperare.

E così Kaal ha preso la sua macchina e sotto le bombe che assediavano la capitale libica ha iniziato a fare il giro dei quartieri e delle abitazioni per recuperare gli animali che ha poi accolto nella sua clinica veterinaria, a sud ovest di Tripoli. Da lì ha iniziato una ricerca spasmodica per mettersi in contatto con i proprietari, provvedendo a dare tutte le cure necessarie a quei piccoli pelosi. “Tutti i giorni, con mio figlio, nonostante i bombardamenti,andavano alla clinica per dare da mangiare agli animali, portarli a spasso e dare loro un po’ d’affetto”, ricorda il veterinario.

Da febbraio ad ottobre del 2011, Kaal è stato aiutato da un uomo del Tchad che dormiva nella clinica veterinaria, per proteggerla da possibili minacce, aiutando il veterinario nelle pulizie della struttura, ma anche nel trasferimento degli animali: “Le bombe cadevano così vicino alla clinica che un giorno è crollato il soffitto”.

Dopo il fallimento di un piano con le agenzie contattate dalle aziende degli espatriati, a causa della chiusura dell’aeroporto di Tripoli, dal mese di marzo del 2011, Kaal ha intrapreso una straordinaria avventura, portando in macchina, gli animali in Tunisia: “Ho effettuato quindici andata e ritorno, da Tripoli a Djerba, dove gli animali potevano essere caricati sugli aerei per essere ricongiunti ai loro padroni. Tutti quelli che ho recuperato sono tornati sani e salvi tra le braccia dei loro proprietari”, ha dichiarato Kaal.

Tutti, tranne uno: un pappagallo di nome Charlie che apparteneva ad una donna del Venezuela, il giorno prima della sua partenza è scappato: “Viveva in casa con la mia famiglia e sembrava che partecipasse alle nostre conversazioni. Lo adoravamo tutti. Un giorno, però, è cascata una bomba vicino all’abitazione che ha fatto esplodere una finestra. E così Charlie è volato via”.

In tutta questa avventura non sono mancate situazioni pericolose. Un giorno, ricorda il veterinario, mentre stava tornando dalla Tunisia, alla frontiera a Zawiya c’è stato un blocco delle milizie di Gheddafi: “I miliziani ci hanno suggerito di guidare a fari spenti perché erano nel mirino dei bombardamenti delle forze rivoluzionarie. Da Djerba a Tripoli s’impiegano 4 ore di viaggio. Quella volta abbiamo messo 14 ore per tornare alla clinica”.

“Una volta che siamo arrivati vicino a Tripoli, con il mio assistente ci siamo guardati e siamo scoppiati a ridere”, ha poi aggiunto Kaal.

Adesso il veterinario dovrà ricostruire la sua clinica e anche se la maggior parte dei proprietari non lo ha risarcito, Kaal è soddisfatto: “Niente vale le lacrime di quelle persone che hanno potuto riabbracciare i loro animali”.