Home News Salvato cucciolo di gatto utilizzato come giocattolo per cani da combattimento

Salvato cucciolo di gatto utilizzato come giocattolo per cani da combattimento

CONDIVIDI

smurf

Sono storie quotidiane, orrori che si perpetrano dietro le quinte: migliaia di piccole creature vittime della crudeltà umana, impiegate per appagare un desiderio malsano mosso dall’illegalità del settore delle scommesse. Come sempre, all’insegna del dio denaro, i nostri pelosi 4zampe pagano il funesto tributo di quello che è un vizio dell’uomo. Si tratta purtroppo di un fenomeno presente ovunque, anche in Italia, che si diffonde in ambienti in cui regna la malavita e l’ignoranza.

A Redwood City San, in California, l’associazione che si occupa del recupero di gatti feriti e abusati, la Nine Lives Foudation, in collaborazione con la San Jose Animal Care and Control, ha diffuso la scorsa settimana le immagini del salvataggio di un micio di due mesi, trovato in condizioni disperate. Il piccolo animale, chiamato Smurf era in una scatola  con un po’ di cibo, diversi limoni e con il pelo color viola. Il gattino era stato colorato e poi dato in pasto ai cani da combattimento per  allenamento che si divertivano a mordicchiarlo. A testimoniare questo macabro gioco, le ferite da morso emerse dopo che il gattino è stato lavato. Sotto la tinta vi erano diversi morsi sul suo corpo dell’animale, tra cui una profonda ferita sulla spalla.

“Non so bene che cosa possa aver passato, ma credo che sia stato usato come giocattolo da masticare. Lui non può dircelo, ma è qualcosa che ho già visto in passato”, ha commentato la veterinaria Monica Rudiger, spiegando che “nella nostra zona capita spesso che i gatti vengano usati per allenare i Pit Bull ai combattimenti. Ecco perché diciamo sempre di non regalare i mici su Internet. Li usano per questi scopi”.

“È ancora troppo presto per poter dire se si riprenderà del tutto. Di sicuro non perderà il colore viola: nonostante la rasatura, il colore rimane. Probabilmente hanno usato una tintura permanente”, ha poi aggiunto il veterinario, rendendo noto che appena si è diffusa la storia di Smurf sono giunte decine di richieste di adozioni.

“Nei nostri rifugi non c’è solo Smurf, ma tantissimi altri gatti che hanno bisogno di affetto e attenzioni”, ha tenuto a concludere la  Rudiger.

Il cucciolo probabilmente è stato salvato da un anonimo che lo ha messo in una scatola, nascondendolo tra i limoni e lasciandolo nei pressi di una strada a San Jose. Fortunatamente un passante ha trovato la  scatola portando immediatamente il gatto  nel centro di recupero San Jose Animal Shelter.

Mentre Smurf sta lentamente recuperando le sue forze, sul web è stata avviata una petizione per rendere giustizia a Smurf (clicca qui)

 

Fonte: clicca qui

SMURF update! Today SMURF was playing with his 2 new friends, feeling so much better! Thank you to everyone who has called & visited ! This little guy will undergo surgery next week to repair the large wound on his right leg/ knee but all the other wounds are healing nicely! His little friend CHERRY shown on his left, takes good care of him! They will be going into foster care next week together!

Posted by Nine Lives Foundation on Mercoledì 30 dicembre 2015