Home News Festival Sanremo 2020, Junior Cally e Valentina Dallari: via la maschera

Festival Sanremo 2020, Junior Cally e Valentina Dallari: via la maschera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:38
CONDIVIDI

Junior Cally il rapper che fa discutere a Sanremo.

junior cally sanremo
Junior Cally a Sanremo

Red carpet per Junior Cally che in occasione della 70° edizione del Festival di Sanremo si toglie la maschera. La partecipazione del rapper romano di 29 anni, tra i 24 big in concorso, è stata segnata dalla polemica. Junior Cally, al secolo Antonio Signore è stato criticato per i suoi testi violenti e sessisti in alcun suoi brani.

Non ha bisogno di giustificare la sua arte né tanto meno trovare consenso. Primo in classifica, Cally è molto apprezzato dai giovani. Prenderà parte al Festival con una canzone intitolata “No grazie”,  brano anti populista nel quale attacca Matteo Salvini e lancia piccole frecciatine a Matteo Renzi.

Quello che emerge alla vigilia del Festival una polemica che rimette in discussione il genere stesso del rap, nato come rivendicazione e denuncia. Lo stile di Junior Cally è quello che colpisce. Da sempre con la maschera ha saputo creare un personaggio che ha fatto breccia.

Junior Cally, la polemica a Sanremo 2020

In merito ai testi violenti, Junior Cally risponde di aver “provato a spiegare che era un altro periodo della mia vita e che il rap ha un linguaggio descrittivo nel bene e nel male e rappresenta la cruda realtà come fosse un film. Purtroppo moltissime persone, forse che si avvicinano al rap per la prima volta, si sono sentite ferite. Me ne dispiaccio profondamente, non era e non sarà mai mia intenzione ferire qualcuno. La cosa più importante che voglio ribadire è che la musica mi ha dato una speranza e mi ha salvato la vita in un momento in cui avevo una marea di problemi ed è solo la musica che voglio portare sul palco di Sanremo”.

Una forza che il giovane rapper ha trovato nelle parole, nella denuncia e con la quale ha superato molti condizionamenti a partire da una malattia, simile leucemia, che provocava problemi di coagulazione del sangue che lo ha limitato da giovane. Una condizione di salute che lo ha segnato tanto da sviluppare una patologia ossessiva. La nomina del cattivo ragazzo lo ha accompagnato per tutta l’adolescenza. Tuttavia, arriva il momento nella vita in cui una persona cresce e fa tesoro delle proprie esperienze, dei vissuti raccontandolo nei testi.

Gli animali nella vita di Junior Cally

Da poco Junior Cally si è accompagnato a Valentina Dallari ex tronista, ora Dj che ha saputo superare il periodo difficile dell’anoressia. La loro relazione è rimbalzata sulle pagine dei quotidiani quando la stessa Dallari è scesa in campo per difendere Cally dalle accuse sui suoi testi e da chi rimetteva in discussione la sua partecipazione al festival di Sanremo 2020.

Della vita giovanile di Cally si conosce ben poco, così come del suo rapporto con gli animali a differenza di molti altri ospiti che partecipano a Sanremo.

Quello che si può dire in merito, è che tra i tatuaggi di Cally sulla schiena si sviluppa un tatuaggio ispirato al film “Silenzio degli Innocenti”, con al suo interno,  un caprone in stile un po’ satanico.

Significato della capra

junior cally
Tatuaggi di Junior Cally

Ci sono diversi significati sulla capra che da tempi remoti ha un forte potere simbolico. Dal dio agreste Pan rappresentato metà uomo e metà capra al dio pagano celtico Cenrunnos raffigurato con le corna di cervo simile a quelle di una capra, per incarnare il potere della natura. Nel Cristianesimo vi è la leggenda degli angeli Azael e Shemhazai che scesero sulla terra con il permesso di Dio e si accompagnarono a delle donne umane. Per questo Dio li punì.  Questa leggenda portò all’usanza dell’espiazione dei propri peccati per cui ogni anno veniva gettato un capro “espiatorio” da una rupe per offerta ai due angeli.

Nel medioevo, il diavolo veniva invece identificato con una capra. Da quel periodo, è entrato nell’immaginario collettivo della cultura occidentale. Tuttavia, esiste anche la versione di Baphomet (Bafometto), “demone ermetico” che veniva adorato dai templari. Un essere con una testa di capra con un pentagramma sulla testa, dal significato opposto al Satanismo.

Cally, Dallari e il suo cane

valentina dallari cani
Valentina Dallari con il suo cane

Di sicuro la nuova relazione con Valentina Dallari potrebbe portare a una maggiore presenza di animali nella vita del rapper. Infatti, è la stessa Dallari ad aver annunciato il nuovo arrivato nella sua vita. Un bel cagnolino che lei in modo simpatico ha chiamato la “mia bestia”. Tanto che, nel momento più buio della sua vita, quando venne ricoverata in un centro per superare l’anoressia, non vedeva l’ora di tornare a casa dal suo cane e riprendere il tour.

Speciale Animali al Festival Sanremo 2020

C.D.

Amoreaquattrozampeè stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizieSEGUICI QUI