Home News Sassuolo, cani abbandonati in un camper in condizioni disastrose

Sassuolo, cani abbandonati in un camper in condizioni disastrose

CONDIVIDI

Due giorni fa gli agenti del Nucleo Operativo Tutela e Benessere Animale della Polizia Municipale di Sassuolo, in provincia di Modena, sono intervenuti in maniera tempestiva per salvare tre cani. Gli animali versavano in uno stato di abbandono in via Radici in Piano nella cittadina emiliana, reclusi in un camper parcheggiato normalmente in strada. Ma le condizioni dell’ambiente all’interno era decisamente precarie, per non dire di peggio, con i poveri quattrozampe costretti a versare in una situazione igienico-sanitaria penosa. Gli animali salvati sono tutti dei meticci, uno dei quali di grossa taglia. Più piccoli di dimensioni gli altri due. I cuccioloni sono stati affidati alle amorevoli cure di una associazione locale, ‘Caleidos’, che li ha poi condotti in un vicino canile a Magreta.

L’episodio dimostra ancora una volta come certa gente non abbia rispetto alcuno per la vita di altri essere viventi. Un episodio del genere era avvenuto solamente qualche giorno fa a Firenze, dove altri tre cani erano costretti a vivere in catene all’interno di un recinto nel quale venivano ammassati rifiuti anche pericolosi nel perimetro di una ditta abusiva. Per fortuna i carabinieri sono intervenuti stroncando l’operato dell’attività illegale e sottraendo gli animali, segnati dalla fame e dalla denutrizione, ai due scellerati padroni.

Ed è andata ben peggio ad un povero cane nell’agosto del 2015, ucciso a Livorno da un vicino di casa dei suoi proprietari. E questa era stata la sua unica colpa, vivere con delle persone invise ad un altro individuo. Il quale ora ha espresso ora pentimento, vergogna e profondo rimorso per quanto commesso a suo tempo. Resta il fatto che Snoopy, questo il nome della povera vittima, è morto soffrendo, e senza alcun motivo. Purtroppo gli episodi di violenza non si fermano qui, sia in Italia che nel resto del mondo, e ci si chiede cosa possa essere fatto per interrompere questa spirale di mostruosità.