Home News Scoperto traffico di cuccioli di cane di razza: il destino dei sopravvissuti

Scoperto traffico di cuccioli di cane di razza: il destino dei sopravvissuti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:20
CONDIVIDI

La scoperta di un traffico di cuccioli di cane di razza in Italia ha indignato tutti per le condizioni in cui versavano questi animali, che per alcuni sono state fatali.

traffico cuccioli cane razza
Scoperto traffico di cuccioli di cane di razza: il destino dei sopravvissuti (Foto Pixabay)

Sono scattate le misure cautelari per quattro uomini di nazionalità italiana accusati di traffico illecito illegale di cuccioli di cani dall’Est Europa. L’indagine coordinata dalla procura di Milano è iniziata più di un anno fa ed è stata eseguita dai forestali della città metropolitana e di Lodi. I carabinieri hanno portato così alla luce le irregolarità compiute da un gruppo di uomini nel Lodigiano.

Gli indagati, nove in totale, sono accusati anche di maltrattamento di animali, ricettazione, falso e frode in commercio.

Scoperto traffico illegale di cuccioli di cane di razza in Italia vicino Lodi: il destino dei sopravvissuti

traffico cuccioli cane razza
Scoperto traffico di cuccioli di cane di razza: il destino dei sopravvissuti

I cani, sprovvisti di microchip obbligatorio, erano spacciati per italiani e venduti successivamente on-line mentre in realtà arrivavano dall’Ungheria trasportati nei portabagagli per più di 1000 km e questo ha portato alla morte di alcuni dei cuccioli e alla malattia di altri.

I compratori, da più zone del Nord Italia, ritiravano i cani presso centri commerciali o per strada. Le forze dell’ordine hanno sequestrato trentasei esemplari, tra bulldog francesi, chihuahua e barboncini, le razze più richieste nel nostro Paese. Cinque di loro non sono sopravvissuti mentre degli altri si stanno occupando alcune associazioni animaliste.

Questo caso sottolinea per l’ennesima volta come insistere ad acquistare dei cani di razza, con tutti i cuccioli bisognosi di affetto che ci sono nei canili e nei rifugi, è un incentivo al traffico di questi esseri viventi. Va ricordato inoltre il trattamento disumano al quale le cagnoline da riproduzione sono sottoposte, come la protagonista di questa storia “Abbandonano una cagnetta dopo averla sfruttata per mesi: come sta ora” che vi abbiamo raccontato oggi, 3 marzo 2020.

Fonte ANSA

Potrebbe interessarti anche:

Teresa Franco