Home News Il selfie col pitone gigante finisce malissimo – VIDEO

Il selfie col pitone gigante finisce malissimo – VIDEO

CONDIVIDI
selfie pitone
(screenshot video)

Il selfie col pitone gigante finisce malissimo: l’episodio, immortalato da un video, è accaduto in India, per fortuna è andata bene.

Un ranger che sta cercando di farsi fotografare con un pitone di oltre dieci metri rimane quasi soffocato a morte. L’episodio è accaduto in India con il ranger che pensava di poter fare un selfie con il serpente.

Leggi anche –> Serpente mangia donna, il corpo trovato intatto all’interno del rettile – FOTO

Selfie col pitone: perché lo ha fatto?

Secondo la London Free Press, tutti gli avvertimenti relativi alla posa con animali selvatici non sembravano troppo importanti per il guardiano forestale Sanjay Dutta. Questi infatti ha pensato di potersi fare un selfie col gigantesco rettile. Dopo che Dutta e la sua squadra avevano ricevuto lamentele sul serpente che mangiava capre locali, gli uomini lo catturarono con l’intenzione di spostarlo in un altro luogo.

Quindi ritenevano che non avrebbe ferito gli animali della fattoria. Invece di mettere il serpente in un sacco, Dutta ha deciso di portarlo al collo. Non ci sarebbe altro da aggiungere. Peraltro le immagini testimoniano di come l’uomo passeggi tra la gente col serpente al collo. Molti sono divertiti e scattano delle foto.

Leggi anche –> Strangolato e ucciso dal pitone davanti agli occhi della sorella – FOTO

Come è andato a finire il selfie col pitone

Dopo che Dutta gettò il serpente sulle sue spalle, il pitone arrabbiato iniziò a stringere attorno al collo dell’uomo e quasi soffocò il ranger ‘intraprendente’ in pochi secondi. Nel video fornito da Caters News, Dutta è visto mentre sgrana gli occhi perché senza respiro; un altro uomo aiutò a togliere il serpente.

Né il serpente né Dutta furono feriti dopo quanto accaduto. Il pitone è stato poi trasferito nella foresta di Baikanthapur e rilasciato. L’accaduto è davvero sconcertante e ci si chiede come una persona possa avere un’idea del genere.

GUARDA VIDEO