Home News Senzatetto digiuna per quattro giorni per far mangiare i suoi cani

Senzatetto digiuna per quattro giorni per far mangiare i suoi cani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:53
CONDIVIDI

Una storia commovente che dimostra come anche non avendo nulla si possa donare tutto per i propri amici a quattro zampe. Un senzatetto ha digiunato per 4 giorni per nutrire i suoi amati amici a quattro zampe. 

Cani aspettano senzatetto in ospedale
Senzatetto non mangia per quattro giorni per sfamare i suoi animali

La storia che vi raccontiamo oggi è quella di un’uomo, un senzatetto di Rio do Sul, un comune del Brasile nello Stato di Santa Catarina, che per più di 4 giorni ha smesso di assumere cibo per poter nutrire i suoi 4 cani, che gli fanno compagnia e che gli donano amore.

Potrebbe interessarti anche:Clochard resta abbracciato per tre giorni al cane deceduto

Senzatetto non mangia per quattro giorni per sfamare i suoi animali

Senzatetto non mangia per quattro giorni per sfamare i suoi animali
Senzatetto non mangia per quattro giorni per sfamare i suoi animali

Un gesto che non è passato inosservato sia per l’amore dimostrato dall’uomo nei confronti degli animali, sia per la dedizione e l’amore incondizionato che i cani hanno dimostrato nei confronti dell’uomo nel momento del bisogno.

E si , perché sfortunatamente il clochard di Rio do Sul è stato poco bene, e si è visto costretto a recarsi all’ospedale Regionale Alto Vale. César è il nome dell’uomo che per un malore ha avuto bisogno di cure.

La scena che però ha stupito tutti gli operatori sanitari dell’ospedale, e che è stata documentata da Cris Mamprim un’infermiera della struttura ospedaliera, è stata l’attenzione con i quali i 4 cani del clochard non l’hanno mai perso di vista, aspettandolo educatamente all’entrata dell’ospedale.

La cosa che ha fatto stringere il cuore della donna e che l’ha fatta riflettere , è stato  l’aspetto delle quattro creature, mentre l’uomo era visibilmente stanco e denutrito gli animali erano puliti nutriti e idratati, come fossero dei cani abituati a stare all’interno di un’abitazione .

Potrebbe interessarti anche:Muore Clochard, i suoi cani rimasti soli sono disperati e ora cercano casa.

Mentre César il senzatetto, veniva curato per una condizione preesistente, Mamprim notò che il gruppo composto dai quattro cani, si era radunato fuori dalla porta, aspettando che il loro amico fosse liberato.

A quanto riportato da The Dodo l’infermiera incuriosita dalla condizione confortante dei cani, ha chiesto al senzatetto come potesse essere possibile che lui fosse così malato e denutrito, mentre i suoi animali sembravano sprizzare energia e salute.

Così l’uomo ha raccontato la sua storia che è poi stata riportata su Facebook dalla donna.
L’uomo molte volte non potendosi permettere di sfamare sia se stesso che i suoi amatissimi cani, doveva scegliere chi nutrire, così erano ben quattro giorni che non toccava cibo per poterli  sfamare.

Una persona semplice, senza lusso, che dipende dall’aiuto per superare la fame, il freddo, il dolore, i mali del mondo, ha al suo fianco i migliori compagni e lo scambio è reciproco“.”Vedendoli così, aspettando alla porta, mostra solo quanto sono curati e amati”.

I cani infatti rifiutarono di allontanarsi dalla porta, finché César non fu pronto per unirsi a loro, ovviamente il personale sanitario è stato felice di prestare non solo le migliori cure all’uomo, ma anche un sostanzioso pasto .

Nel post pubblicato su Facebook dalla donna si può infatti leggere :“Con così tante persone cattive là fuori, oggi mi sono imbattuta in questa scena All’ospedale in cui lavoro, alle 3 del mattino, mentre il suo padrone veniva curato , i suoi compagni aspettavano alla porta.”

“Uno scambio di amore, affetto, calore, comprensione,. Una persona che ci ha confessato che smette di mangiare per nutrirli”.

Non so com’è la sua vita, perché è in strada, e non mi interessa e giudicarlo, ma ammiro il rispetto e l’amore che ha per i suoi animaletti”.

“Vederli così, aspettando alla porta, mostra solo quanto siano ben curati e amati. Magari tutti fossero così…. Se non vi fosse cattiveria, non ci sarebbero maltrattamenti….”

L.L.