Home News Sorpreso a far sesso con la mucca: arrestato un giovane uomo

Sorpreso a far sesso con la mucca: arrestato un giovane uomo

CONDIVIDI
mucca
Sesso con la mucca (screenshot video)

Nei mesi scorsi, da un rapporto interessante condotto da una testata tedesca era emerso che sono aumentati i casi di zooerastia. Si tratta di una pratica che ha una sconcertante diffusione: lo dimostra anche l’ultimo episodio denunciato. Siamo in Francia, a La Chapelle sur Erdre, a sud di Nantes, e la denuncia arriva da un allevatore. Questi, entrando nella stalla, non riusciva davvero a credere a quello che si è trovato davanti: c’era un uomo che stava avendo un rapporto sessuale con una delle sue mucche. La malcapitata era una giumenta di appena tre mesi.

Superata la fase di choc iniziale e di incredulità, l’allevatore ha deciso di chiamare la polizia, che pochi minuti dopo è giunta sul posto. Così è finito in manette il maniaco zoofilo, un 42enne del luogo. L’uomo si trova in carcere e deve ora rispondere del reato di abusi sessuali su animali. La zooerastia, purtroppo, non è un fenomeno legato prettamente a società occidentali, anche se è stato accertato un collegamento con la schizofrenia della società contemporanea, nella quale molti individui sono sempre più spinti ad oltrepassare i limiti alla ricerca di sensazioni estreme.

Una pratica diffusa

Che si tratti di una pratica diffusa in tutto il mondo lo evidenzia anche un triste precedente, denunciato nei mesi scorsi nella provincia di Lampang in Thailandia. “Non ne potevo fare a meno”, è stata la sconcertante giustificazione del 40enne protagonista della violenza, anche in questo caso nei confronti di una mucca. Bisogna purtroppo fare i conti con la sconcertante realtà dei fatti: la zooerastia, così come la pedofilia, è un fenomeno fuori controllo. Infatti è facile trovare in rete filmati con scene agghiaccianti di sesso con animali e bambini.

Trova diffusione ovunque, anche se spesso a subirne le conseguenze peggiori sono animali domestici come i cani. Un episodio gravissimo è invece emerso nei giorni scorsi in Italia. Lorenzo Croce, presidente dell’Aidaa, ha raccontato di aver ricevuto una terribile segnalazione riguardante orge con animali in una villa. L’abitazione sarebbe frequentata da noti personaggi. Grazie a quella denuncia pubblica, era poi emerso anche chi fosse il proprietario dei tre alani vittime di abusi.

 

GM