Home News Spara al gatto del vicino perché “si comportava come se fosse stato...

Spara al gatto del vicino perché “si comportava come se fosse stato il padrone di casa”

CONDIVIDI

Una storia assurda che si è verificata in Florida. Un uomo di 69 anni è stato denunciato per il reato di crudeltà e uccisione di animali dopo aver sparato al gatto del vicino di casa. Fino a questo punto si potrebbe trattare di una vicenda ordinaria di gesti atroci compiuti da persone senza scrupoli perché infastiditi dalla presenza di un animale. Ma in questo caso, il motivo è davvero sorprendente per non dire “demenziale”.

L’uomo era uscito di casa e incontrando il felino sul marciapiede gli ha sparato. Il figlio del proprietario del gatto che ha assistito alla scena è corso appresso all’animale, scappato per rifugiarsi sotto ad un’automobile. “E’ triste vedere un animale ferito che scappa per trovare un rifugio”, ha raccontato il giovane.

Il colpevole è stato fermato e durante l’interrogatorio ha confessato alla polizia che “non era sua intenzione uccidere il gatto”. Tuttavia, si è giustificato, affermando che quando ha visto il gatto in mezzo alla strada che lo ha guardato come se “fosse il padrone”, è stato accecato dalla rabbia, e per questo è andato a prendere l’arma per sparagli.

Un uomo in Florida è stato accusato di crudeltà verso gli animali con l’accusa di riprese gatto del suo vicino con una pistola BB. Deputati ha detto Billy Allen, 63, ha detto loro ha sparato al gatto la settimana scorsa perché “lo guardò come se fosse il padrone”: “Veniva sempre davanti a casa mia per lasciare dei segnali”, ha commentato l’uomo, ammettendo di aver già sparato prima di allora ai gatti di strada per allontanarli, ma di non averne mai ucciso uno prima. Il responsabile non aveva idea che il gatto fosse di proprietà del vicino di casa che ha ben altri otto gatti.

Il sessantenne è stato ritenuto da subito “incapace” per questo si sta valutando se proseguire con la denuncia oppure no.

Resta l’amarezza e il dolore dei padroni del felino domestico che è stato soppresso perché il proiettile aveva colpito la spina dorsale e aveva provocato una paralisi irreversibile.