Home News Spedisce le ceneri del su gatto nello spazio

Spedisce le ceneri del su gatto nello spazio

CONDIVIDI

Il padrone ha avviato una raccolta fondi per spedire le ceneri del suo amato gatto nello spazio


L’azienda americana Celestis offre diversi tipi di servizi funebri tra i quali la possibilità di inviare le ceneri dei propri cari nello spazio. Un uomo, Steve Munt, afflitto dalla perdita del proprio gatto di nome Pikachu voleva in qualche modo rendere omaggio all’amato felino, con un gesto straordinario.

Per questo ha deciso d’inviare le ceneri di Pikachu nello spazio, avviando una raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme, “loving Pikachu” per cui sono necessari 5mila dollari. Steve ha già raccolto oltre 1700 dollari. Tutte le donazioni non solo serviranno per rendere omaggio al felino domestico. La notorietà di Pikachu contribuirà anche ad un’altra raccolta fondi, quella per cura la compagna di Steve, bisognosa di un trapianto di rene. Le cure per la donna sono già costate 60mila dollari e Zee ha bisogno di ulteriori 12mila dollari per il trapianto.

Grazie a Pikachu, sono stati donati altri 10mila dollari per Zee.

Non è la prima volta che le ceneri di un animale saranno spedite nello spazio. La Celestis ha infatti già eseguito il lancio delle ceneri di due cani. Apollo e Laika nel 2014.

L’urna con le ceneri sarà posizionata in orbita alla Terra, fino a quando non rientrerà in atmosfera e si vaporizzerà come una stella cadente.

“Volevo che Pikachu fosse il primo gatto e che il suo nome continuasse nella storia come esploratore. Un gatto è altrettanto degno di un cane al nostro fianco e merita un tributo speciale”. Ha dichiarato il padrone.

L’appello in rete:

Sullo stesso tema:

I cani russi lanciati nello spazio: i loro discendenti alla Casa Bianca

Animali ibernati inviati nello spazio: la polemica della Lav

Colonizzazione di Marte: la Nasa pubblicizza passeggiate spaziali con i cani

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.