Home News Angeli dei 4 Zampe Star di Hollywood in campo contro la mattanza del Yulin festival

Star di Hollywood in campo contro la mattanza del Yulin festival

CONDIVIDI
@Facebook
@Facebook

E’ iniziata la mattanza di cani e gatti in Cina nell’ambito del Festival di carne di Cane in Cina e le associazioni animaliste giunte sul posto si stanno adoperando per riscattare e salvare il più elevato numero dei cani dal macello.

Ta queste è presente anche la The Animal Hope & Wellness Foundation, fondata dall’attivista americano Marc Ching che ha riscattato oltre mille cani destinati alla macellazione. In un post, Marc ha smentito chi l’accusava di aver salvato solo 400 cani, diramando fotografie che testimoniavano che i volontari hanno portato via 200 gabbie con 5 cani ognuna.

Dai post e dagli aggiornamenti condivisi, si può percepire l’angoscia e la tensione dei volontari intenti a portare via quegli esemplari, consci del fatto di lasciarne morire altri migliaia:  “Forse la nostra tattica è sbagliata. Sono solo un essere umano. Ma salvare questi cani non è sbagliato. La quantità di vite salvate rispetto alla somma spesa è più conveniente riguardo al costo del cane acquisito al macello. Far salire il prezzo del cane mi dispiacerebbe. Non sono venuto per comperare animali, ma per far chiudere temporaneamente alcune strutture. Tutti noi vogliamo la stessa cosa: mettere fine alla tortura. Questi cani hanno vissuto l’inferno e chi non vive di prima persona questa esperienza, non ha il diritto di dire che non li stiamo sostenendo. Io sono qui con questi cani”, scrive Ching.

Oltre a salvare i cani, Ching ha avviato il The Compassion Project, che ha coinvolto una serie di star hollywoodiane per sensibilizzare i cinesi ad abbandonare la tradizione di mangiare i cani.

Tra le star coinvolte vi sono Matt Damon, Joaquin Phoenix e Kate Mara che in un video, sovvenzionato dalla Humane Society International (HSI) in prima linea nella battaglia contro il festival, con immagini anche forti del festival, hanno dato il loro contributo.