Home News Stop adozioni cani a Natale nei canili in Germania

Stop adozioni cani a Natale nei canili in Germania

CONDIVIDI
adozioni natale
Adozione cani a Natale

Canili in Germania stop adozioni cani a Natale 

Un cane non è un giocattolo usa e getta. E’ un essere vivente che diventa parte della famiglia. Purtroppo, i dati parlano chiaro e ogni anno, migliaia di cani regalati a Natale sono abbandonati nel periodo estivo delle vacanze. Non bastano slogan, leggi o campagne di sensibilizzazione di fronte all’irresponsabilità di chi si libera di un animale come se fosse un oggetto.

A ridosso del Natale si moltiplicano le campagne delle associazioni animaliste, gli appelli alla responsabilità ma anche quelli che suggeriscono di regalare non un cucciolo di razza ma un cane in un canile. A differenza di questo fenomeno, in Germania, molte associazioni sono contrarie alle adozioni di cani come regalo di Natale. L’iniziativa è partita da un rifugio e si è poi estesa in molti altri canili in Bassa Sassonia, fino ad arrivare al canile di Berlino, il più grande d’Europa.

“Gli animali sono esseri viventi con bisogni e sentimenti. Non sono adatti come regali a sorpresa”. Scrive lo staff del canile di Berlino.

Adozione cani: decisione di tutta la famiglia

L’adozione come “impulso” è un gesto irresponsabile. Claudia Hämmerling, responsabile della protezione degli animali a Berlino, ha ricordato che “la decisione di tenere un animale non deve essere presa alla leggera, tutta la famiglia deve essere coinvolta nel processo decisionale”.

Ecco perché le famiglie che intendono adottare un cane come regalo di Natale, potranno recarsi al rifugio per scegliere il loro compagno a 4zampe ma dovranno tornare a gennaio per completare l’adozione. Un modo per far ragionare chi adotta un animale preso dall’impulso del Natale e dal desiderio “consumistico” spinto dalle pubblicità.

adozione cani

Cane adottatoLo stesso blocco delle adozioni in canile per Natale è esteso anche in paesi anglosassoni, come in Irlanda.

Tuttavia, in Inghilterra, la  Rspca (Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals), che si occupa della protezione animali, è scettica al riguardo, in quanto ritiene che il periodo delle feste natalizie “è un momento calmo e tranquillo e potrebbe essere una buona opportunità per introdurre un animale avendo più tempo per rimanere a casa e trascorrere il tempo con loro”.

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI