Home News Strangolato e ucciso dal pitone davanti agli occhi della sorella – FOTO

Strangolato e ucciso dal pitone davanti agli occhi della sorella – FOTO

CONDIVIDI
Ucciso dal pitone

Sono diverse le vicende di cui vi abbiamo parlato delle quali sono protagonisti dei pitoni. Ad esempio, una donna ne deteneva illegalmente uno all’interno di una teca nella propria abitazione. Non riusciva invece a credere ai suoi occhi una donna che dopo aver abbassato la tapparella si è trovata davanti un pitone reale incastrato tra i listelli. L’episodio è accaduto a Milano. A Darmstadt, a sud di Francoforte, un 19enne ubriaco è stato fermato con un piccolo pitone nei pantaloni.

Vi sono però vicende il cui finale è tutt’altro che grottesco e divertente. In Thailandia, un uomo è stato strangolato a morte da un gigantesco pitone selvatico dopo che questo è uscito da un barattolo di vetro in cui l’aveva imbottigliato. Sawan Tabklai, 55 anni, ha catturato il serpente lungo oltre tre metri. Il pitone stava strisciando nella sua abitazione nella provincia di Sukothai. Lo ha stipato in un grosso barattolo di vetro, ma qualcosa è andata decisamente storta.

Infatti, il serpente era diventato estremamente affamato e quanto Sawan è andato a controllare, aprendo incautamente il barattolo, questi è balzato fuori. Lo ha morso al braccio. Si è poi avvolto attorno al collo dell’uomo mentre questi cercava disperatamente aiuto.

L’intervento della sorella

Come riportato da Il Messaggero la sorella di Sawan, Pilada Tabklai, 63 anni, si precipitò in casa per aiutarlo, attirata dalle urla. Ha però solo potuto vedere il pitone che finiva di strangolare il fratello. Ha comunque combattuto per liberarlo ma il serpente era troppo forte, così ha chiamato i servizi di emergenza. Quando questi sono arrivati, però, per Sawan non c’era più nulla da fare. Le guardie zoofile catturarono il serpente e lo stiparono in un sacco per poi ucciderlo.

“Non so perché mio fratello minore tenesse il serpente. L’ha trovato tre o quattro giorni fa e l’ha messo in un barattolo a casa”, ha spiegato Pilada ancora sconvolta per l’accaduto. Quindi ha aggiunto: “L’ho sentito gridare e ho visto che era stato morso dal serpente. Era arrotolato intorno al suo corpo e non riuscivo a toglierlo”. Il tenente colonnello della polizia Surapong Salasit della stazione di polizia del distretto di Kong Krailat ha detto che la causa della morte è stata lo strangolamento.

Ha detto: “Gli agenti sono arrivati ​​e hanno trovato l’uomo di 55 anni già morto sotto casa. Non indossava una maglietta e aveva pantaloni neri. C’erano segni di morso di serpente attorno alla sua mano sinistra e il suo collo era rosso. Il medico ha eseguito un’autopsia e la causa della morte era dovuta alla mancanza di ossigeno”.

 

GM