Home News Le tartarughe in aiuto dei bambini ricoverati in oncologia

Le tartarughe in aiuto dei bambini ricoverati in oncologia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16
CONDIVIDI

Delle tartarughe sono un valido in aiuto per dei bambini ricoverati in un reparto di oncologia: uno splendido esempio di armonia tra bambini e animali.

tartarughe aiuto bambini ricoverati
Le tartarughe in aiuto dei bambini ricoverati in oncologia (Foto iStock)

Una storia bellissima. Una storia di bambini e di tartarughe, di bambini ammalati e di una tartaruga ammalata. Di medici che ogni giorno fanno un lavoro straordinario e a volte devono curare anche l’umore dei bambini che di solito sono i loro pazienti. Siamo negli USA, in un reparto di oncologia pediatrica.

I pazienti ogni anno sono circa 200-250, i letti a disposizione sono 23, e sono sempre pieni, purtroppo. La struttura è dedicata ai bambini e per questo c’è anche una scuola, dalle “scuole elementari fino al liceo”. E qui, fra bambini ammalati e tanto dolore, un momento di gioia è regalato dalle tartarughe.

Le tartarughe in aiuto dei bambini ricoverati in oncologia: ora i piccoli si prendono cura di una di loro

tartarughe aiuto bambini ricoverati
Le tartarughe in aiuto dei bambini ricoverati in oncologia (Foto Pixabay)

Nell’ospedale ci sono tre tartarughe, due maschi e una femmina. Sono lì da molti anni: le tartarughe sono infatti animali molto longevi. Il primario del reparto è anche responsabile degli animali. Le tartarughe vivono in un terrario sulla terrazza della struttura ospedaliera. I bimbi vanno a giocare in questa terrazza, in cui si trova un giardino curato da un giardiniere assunto appositamente.

Un giorno una delle tartarughe si è ammalata e da lì è nata una gara di solidarietà fra medici e bambini. I dottori e le educatrici della sezione didattica hanno gestito la situazione facendone un laboratorio di gioco e narrazione. La tartarughina è stata visitata, ha avuto una “camera” tutta sua e ha avuto un po’ di insalata. Insomma, ha avuto delle cure, esattamente come i bambini dell’ospedale e ora la tartaruga sta bene.

Potrebbero interessarti anche:

T. F.