Home News Terapia obbligatoria a pagamento per chi non sa gestire il proprio cane

Terapia obbligatoria a pagamento per chi non sa gestire il proprio cane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:43
CONDIVIDI

Avere un cane comporta dei doveri e chi non sa gestire il proprio cane dovrà impararlo con una terapia obbligatoria a pagamento.

gestire cane terapia obbligatoria
Se non sai gestire il tuo cane ti tocca seguire una terapia obbligatoria a pagamento (Foto dal web)

Chi possiede un cane dovrebbe ricordarsi che sia lui che il suo animale fanno parte di una comunità e quindi che sono tenuti a rispettare gli altri umani, animali e l’ambiente che li circonda. In un Paese come l’Italia in cui l’educazione civica del cittadino è nella maggior parte dei casi abbastanza scarsa, un Comune ha deciso di prendere dei provvedimenti per abituare le persone a rispettare il prossimo.

Terapia obbligatoria a pagamento per chi non sa gestire il proprio cane: la legge da rispettare

cane urina per strada
cane che urina per strada (Foto Flickr)

Il Responsabile della Polizia Locale di Aielli, in provincia dell’Aquila, il Tenente Giancarlo Sociali, ha comunicato che i trasgressori delle regole sul possesso di cani dovranno seguire una terapia al costo di 50 euro al giorno finché non dimostreranno di aver appreso il giusto comportamento. C’è una legge che puntualmente molti possessori di animali ignorano che è questa “chiunque abbandona animali domestici o se questi abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 Euro”.

Sociali, che impegnato in giro per le scuole in una campagna anti randagismo, ricorda come il vero amore verso gli animali non sia slegato da quello per il prossimo. Non si può lasciare un cane libero tutto il giorno per strada perché questo lo espone a pericoli per la sua vita, come di essere investito da un’auto, e mette in difficoltà i cittadini che hanno paura, soprattutto se il cane in passato ha già compiuto delle aggressioni.

Il cane non dovrebbe urinare senza che il proprietario porti con se una boccettina di acqua per pulire e soprattutto le sue feci andrebbero raccolte, se si è veramente rispettosi del posto in cui viviamo, oltre che delle minime norme di igiene. Chi non rispetterà queste norme basilari le dovrà apprendere, a sue spese.

Potrebbero interessarti anche >>> 

Teresa Franco

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI