Home News Uber Pet: come funziona il nuovo servizio per chi viaggia con gli...

Uber Pet: come funziona il nuovo servizio per chi viaggia con gli animali

Dopo anni in cui i proprietari di animali si sono visti annullare una corsa all’ultimo, arriva Uber Pet per mettere fine ai disagi.

uber pet
Un viaggio on the road Fonte foto Pixabay

Portare il tuo cane o il tuo gatto con te in un giro con Uber è stato finora, nella migliore delle ipotesi, precario. Spesso, i conducenti annullano un passaggio quando vedono che c’è un animale domestico in attesa insieme al suo proprietario. Non è stata un’esperienza piacevole neanche in caso di passaggio a buon fine, ma questa volta per il conducente  che si è ritrovato peli di animali domestici e/o impronte di fango da ripulire a proprie spese.

Ora, Uber si è messo all’opera per risolvere questo problema per entrambe le parti. A partire dal 16 ottobre 2019, Uber Pet consentirà ai proprietari di portare i loro animali domestici con un piccolo supplemento. Mentre i conducenti possono rinunciare al programma, coloro che scelgono di lasciar salire gli animali domestici sul loro veicolo guadagneranno una “parte significativa” di tale supplemento.

Uber Pet: come funziona il nuovo servizio per chi viaggia con gli animali

Uber Pet
Fonte foto Pixabay

Uber Pet apparirà nello stesso posto in cui si trovano opzioni come Uber Pool (che permette di dividere il viaggio con altre persone che vanno nella stessa direzione) e UberXL (per gruppi di sei persone o con bagagli extra), attualmente disponibili per organizzare una corsa.

Il servizio sarà disponibile inizialmente solo in alcune città degli Stati Uniti e avrà un costo compreso tra 3 e 5 $ a corsa, a seconda di fattori come l’aumento dei prezzi e la posizione. I viaggiatori non vedranno questa cifra come un’aggiunta finale ma sarà incluso nel prezzo della corsa Uber Pet.

Gli animali per accompagnamento saranno esenti dalla tariffa prevista dalle politiche di Uber e potranno viaggiare gratuitamente in qualsiasi momento, in linea con le leggi federali e statali che garantiscono eccezioni agli animali per accompagnamento in quasi tutti i casi.

Mentre Uber Pet ha previsto un lancio a livello nazionale alla fine del mese, la società testerà il programma in mercati selezionati. Debutterà il 16 ottobre ad Austin, Denver, Nashville, Minneapolis, Filadelfia, Phoenix e Tampa Bay.

Per i conducenti che non vogliono trasportare animali domestici, ci sarà la possibilità di rinunciare al programma. Possono farlo dall’area delle preferenze dell’app Uber. Perderanno così i guadagni extra e la possibilità di raccogliere i molti viaggiatori che non possono sopportare di separarsi dal loro compagno a quattro zampe.

Uber Pet è un sovraccarico eccessivo? È interessante notare che Uber ora addebiterà ai riders una tassa per un servizio che molti precedentemente avevano ottenuto gratuitamente, sebbene non sia mai stata una garanzia che un guidatore di Uber avrebbe permesso agli animali domestici di usufruire della corsa. In quest’ottica, sembra che questa mossa sia più a vantaggio dei conducenti che dei viaggiatori.

Nonostante questo, molti si stanno già chiedendo cosa significhi esattamente che la compagnia afferma che i conducenti vedranno una “porzione significativa” della tariffa aggiuntiva. Considerando il fatto che Uber ha una storia tutt’altro che stellare nel pagare i suoi conducenti, sarebbe bello sapere che la tassa è effettivamente destinata a coprire il costo della pulizia della propria auto dopo il trasporto di animali domestici.

In conclusione, sebbene Uber Pet contribuirà probabilmente a ridurre un po’ l’attrito tra guidatori e piloti, non tutti scodinzolano di gioia.

Potrebbero interessarti anche:

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI