Home News Un cane e il suo peluche: triste e solo, ha un solo...

Un cane e il suo peluche: triste e solo, ha un solo amico

CONDIVIDI

Qualche giorno fa, vi abbiamo raccontato di Kiah, una cagnetta senza tetto e maltrattata che è stata consolata da alcuni peluche. La poveretta aveva perso i suoi cuccioli dei quali era incinta. L’episodio era avvenuto in Georgia, su una strada rurale. La vicenda riporta alla mente quella di un cane randagio incrociato sul marciapiede da un passante a Houston. Il povero animale si stringeva a un peluche vecchio e sporco, suo unico conforto.

Per sua fortuna, il passante non era una persona qualsiasi, ma Yvette Holzbach, che gestisce il centro di accoglienza Forgotten Dogs of the 5th Ward. La donna non è rimasta indifferente e su Facebook ha raccontato: “Quando ho visto questo cane per la prima volta, stretto al suo peluche, ho pensato ‘Come è tenero!’. Ma poi, al momento di scattare la foto, la realtà mi ha risvegliato bruscamente. Si trattava di un cane randagio che cercava conforto in un vecchio peluche”.

Purtroppo, a Houston la quantità di randagi è davvero elevata, per cui la donna non ha potuto prendere in custodia quel cane. Ma quella scena gli è rimasta ben impressa nella mente. Così, decide di ritrovare quel cane e più volte, per diverse settimane, si reca dove ha visto la prima volta il randagio. Un giorno, incrocia un anziano uomo di 89 anni, Calvin, al quale mostra la foto del cane. Il caso vuole che l’uomo sia il proprietario dell’animale.

Il racconto dell’uomo

L’anziano accoglie Yvette nella sua modesta abitazione e le racconta tutto, molto addolorato. Anche lui si prende cura di animali randagi e prova a dare loro conforto. E anche quel cane che va in giro col peluche ha ricevuto da lui assistenza. Un giorno, però, è sparito e l’anziano, in lacrime, spiega di non aver mai capito il perché. La volontaria prova a ipotizzare: “Probabilmente ha inseguito qualche femmina poiché non era castrato”.

Da questa vicenda, Yvette Holzbach ha tratto i giusti frutti: se infatti non ha ritrovato il cane, ha incontrato l’89enne Calvin, con cui ha condiviso questa vicenda. L’uomo ha in casa tre cani malati che avevano bisogno di assistenza. Ha accettato con riconoscenza le cure offerte dai volontari del centro. E ora la donna sa che semmai troverà quel cane e il suo peluche avrà le idee chiare e saprà a chi riportarlo.

GM