Home News Cosa ci fa un canguro in piscina? Dall’Australia, una scena eloquente

Cosa ci fa un canguro in piscina? Dall’Australia, una scena eloquente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:33
CONDIVIDI

Un canguro in piscina, la scena diffusa in un video che ritrae il disperato bisogno di un riparo dal caldo nella terra australiana

La stanchezza del canguro (Foto Pixabay)
La stanchezza del canguro (Foto Pixabay)

Purtroppo, da molto tempo, l’Australia sta vivendo e subendo il triste fenomeno degli incendi boschivi che ha provocato e continua a causare il decesso di molte specie protette. Tanti gli animali coinvolti che devono fare i conti con un fenomeno più grande di loro. Molti cercano di sfuggire dal pericolo, come meglio possono, sfruttando le loro abilità fisiche e mentali.  Un canguro stremato dal caldo ha trovato refrigerio nella piscina di una casa di una regione australiana devastata dagli incendi.

Un canguro in piscina, per la speranza di un refrigerio dal grande caldo 

canguro (Foto Pixabay)
Canguro (Foto Pixabay)

L’immagine del canguro, fa sorridere ma soprattutto riflettere sulla gravità della situazione. L’animale è stato ripreso dalla famiglia che lo ha inconsapevolmente “ospitato”, mentre tranquillamente faceva il suo bagno rinfrescante, sotto una temperatura che ha superato i 42° celsius. La scena diffusa dalla famiglia fa comprendere quanto la terra del sole sia gravemente compromessa e in pericolo.

Secondo le statistiche e i dati raccolti, le fiamme hanno distrutto oltre 3,7 milioni di ettari ed ucciso sei persone insieme ad un centinaio di animali. Le categorie più coinvolte sono i koala, le volpi volanti, i canguri e i formichieri spinosi, spesso colti mentre cercavano un riparo nelle aree urbane.

Un canguro in piscina, la situazione è drammatica 

Cacatua morto (Foto Twitter)
Cacatua morto (Foto Twitter)

Drammatico il bilancio dei koala che non ce l’hanno fatta. Secondo un gruppo ambientalista, circa un terzo del loro habitat è stato distrutto dalle fiamme. A nord di Sidney, è stato evacuato un rifugio di 300 animali proprio mentre le fiamme si avvicinavano. “Siamo stati fortunati a scampare il pericolo degli incendi, per questo abbiamo deciso di evacuare il rifugio.” ha affermato Tassin Barnard, direttore operativo del Walkabout Wildlife Park.

E ancora è di pochi giorni fa, il ritrovamento di un cacatua dalla cresta gialla, deceduto sul terreno. La foto, scattata da Bill Wallace è stata condivisa su Twitter dove ha rattristato migliaia di utenti. Le scene registrate, le foto condivise fanno capire quanto la piaga, ancora non smetta di sanguinare.

La speranza è che presto, la grande ferita possa rimarginarsi.

Potrebbero interessarti anche i seguenti argomenti:

B.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI