Home News Un misterioso ritrovamento in spiaggia: gli esperti risolvono l’enigma

Un misterioso ritrovamento in spiaggia: gli esperti risolvono l’enigma

CONDIVIDI
(foto da Reddit)

Un misterioso ritrovamento è stato effettuato sulla spiaggia di Leo Carrillo a Malibu, in California: si tratta di un animale senza occhi, né bocca o ali. La creatura – lunga 75 centimetri, con un peso di 7 chilogrammi – ha solo due grandi sfere peraltro sproporzionate rispetto al resto del corpo.

L’immagine del misterioso ritrovamento è stata postata su Reddit da un utente e subito si è aperta una vera e propria gara a chi riuscisse a individuarne la specie. La creatura è stata trovata per metà coperta di sabbia e qualcuno ha spiegato che a suo avviso poteva essere una lumaca di mare gigante, peraltro molto comune in quella zona, privata del suo guscio, oppure una lepre di mare le cui protuberanze sferiche sarebbero in realtà delle orecchie.

Per qualcun altro, più in generale, potrebbe essere qualsiasi cosa che priva aveva una conchiglia o un guscio a proteggerla. Ma la maggior parte di coloro che cercano di dare una risposta al misterioso ritrovamento sostengono che possa anche trattarsi di una creatura marina sconosciuta.

Nel dibattito è infine intervenuto un esperto, che ha sciolto ogni dubbio, facendo notare che potrebbe trattarsi di un esemplare di Anaspidea, nota agli anglosassoni col termine “sea hare”, una lepre marina appunto, come azzardato da alcuni utenti. Si tratta di una specie già nota in epoca romana e in questo caso potrebbe aver tratto in inganno una scarsa dimestichezza col fenomeno del deterioramento dei corpi.

In ogni caso, altri esperti e biologi marini hanno confermato che si tratterebbe proprio di questa specie, peraltro l’Anaspidea è un mollusco molto comune da ritrovare in spiaggia in California. Un’immagine virale, proprio come un video postato su Facebook da Danish Ho e che mostra uno strano animale strisciare per terra.

Tanti si chiedono cosa sia: qualcuno, tra le decine di commentatori dei social network, parla semplicemente di una fake news, una delle tante che circolano in Rete, ma commentatori più esperti non hanno dubbi che si tratti di un anellide della famiglia dei vermi piatti. Si tratta di una tipologia di invertebrati che anche se spezzati riescono a rigenerare parte del loro corpo.

La Rete, dunque, è piena di esempi di foto e video che alimentano il dibattito, ma spesso soltanto un occhio esperto può aiutare a dissipare i tanti dubbi degli utenti, che si trovano a che fare con misteriose creature.