Home News “Il cane dal cuore spezzato”: dopo il funerale va a trovare ogni...

“Il cane dal cuore spezzato”: dopo il funerale va a trovare ogni giorno il padrone al cimitero

CONDIVIDI

Una storia di fedeltà, una dimostrazione di affetto e devozione che sta letteralmente conquistando la rete e il mondo. In Turchia, a Bursa, si registra una storia commovente, quella di un cagnolino meticcio, di nome Cesur che per due lunghi anni era stato al fianco del padrone, un uomo di nome Mehmet Ilhan rimasto paralizzato dopo una lunga malattia. Purtroppo, la vita è insegna che dobbiamo imparare a dire addio e l’uomo è deceduto la scorsa settimana.

Per Cesur la perdita di Mehmet è stato un evento traumatico e lo stesso figlio di Mehmet, Alì, ha raccontato che “quando mio padre era in ospedale durante i suoi ultimi giorni di vita, Cesur ha smesso di mangiare”. Quando la salma dell’uomo è stata portata a casa per i funerali, il cane non si è mai allontanato dal corpo del suo padrone e anche durante il corteo funebre, Cesur ha seguito la bara, stando sempre vicino all’unica persona alla quale aveva dato tutto il suo affetto.

Immagini commoventi e strazianti, immortalate da alcuni scatti fotografici nei quali si vede Cesur afflitto oppure durante la cerimonia, una fotografia lo ritrae seduto accanto sotto la bara, con la testa bassa. Il cane è stato presente in ogni istante della cerimonia, accompagnando il feretro fino al cimitero per la sepoltura. “Nessuno è riuscito ad accarezzarlo, fintanto mio padre era presente, anche nella bara”, ha raccontato Alì.

Il figlio di Mehmet, rimasto a casa, prendendosi qualche giorno di ferie per il lutto, ha notato che ogni giorno Cesur usciva di casa e tornava dopo un po’ di tempo. Un giorno lo ha seguito e ha scoperto che Cesur si recava al cimitero sulla tomba del suo amato padrone defunto.
“Gli operai che lavorano al cimitero mi hanno detto che la prima cosa che fa Cesur è andare sulla tomba di mio padre”, ha proseguito Alì, raccontando che nessuno sa per quanto tempo ancora Cesur andrà sulla tomba. In ogni caso, assicura il giovane uomo: “Cesur ha conquistato la nostra stima e resterà sempre con noi, ci prenderemo cura di lui perché è un essere nobile”.

Una confessione che tocca nell’animo delle persone, tanto più espressa in un contesto islamico nell’ambito del quale per la religione i cani sono considerati “esseri impuri”. Cesur insegna a tutti quanti che ovunque nel mondo ci sono persone che sanno vedere oltre.

Il piccolo grande Cesur