Home News Vacanze di Natale in Brasile? Attenti a questi animali pericolosi

Vacanze di Natale in Brasile? Attenti a questi animali pericolosi

CONDIVIDI

Brasile e Rio sono mete turistiche molto apprezzate. Tuttavia, non tutti considerano la pericolosità della sua fauna locale, composta da molte specie selvatiche che possono facilmente causare gravi inconvenienti.

Brasile e animali pericolosi

1. Il giaguaro

Il giaguaro è il terzo felino più grande del mondo e il più grande del Sud America. I più grandi si trovano in Brasile e pesano in media 100 chili per una taglia di quasi due metri per i maschi. Cacciatori feroci, attaccano persino i caimani che uccidono grazie alle loro potenti mascelle! La popolazione dei giaguari è in netto calo e considerata in pericolo.

Nel giugno 2016, la fiamma olimpica era a Manaus, nell’Amazzonia, nel nord del paese. Sul posto, le autorità avevano deciso di esibire un giaguaro. Sfuggendo al controllo del suo guardiano, il giaguaro attaccò un veterinario e dovette essere abbattuto dai militari. Non può essere ripetuto abbastanza, questi animali sono selvaggi e rimangono pericolosi in tutte le circostanze.

2. L’anaconda

Con esemplari fino a 9 metri per 230 chili, l’anaconda è con il pitone serpente più grande del mondo. Abbonda in Brasile nelle zone umide. Vive e caccia principalmente nell’acqua, attaccando prede molto più grandi di lui. Divora persino giaguari o caimani, soffocandoli nei suoi anelli prima di sganciargli le mascelle per inghiottirli completamente.

Nel 2013, un giovane ragazzo è stato attaccato da un’anaconda di cinque metri a 250 chilometri a nord di Sao Paulo, che lo ha rapito mentre si trovava sul bordo dell’acqua, dove si nascondeva il serpente. Grazie al nonno del bambino che ha attaccato il serpente, egli ha liberato finalmente la sua preda, che fortunatamente subì solo ferite superficiali, ma il rischio che il ragazzo venisse divorato era reale.

3. Il caimano nero

Il caimano nero è uno dei più grandi rettili del mondo e uno dei più feroci predatori del Sud America. Nel 1965, in Brasile, è stato ritrovato un’esemplare che misurava 7,7 metri per 1350 chili! Il caimano nero medio, tuttavia, misura tra 4 e 5 metri per un peso da 400 a 500 chili. È in cima alla catena alimentare e caccia tutte le altre specie animali alla sua portata. Cacciato per anni per la sua pelle e la sua carne, ora è in pericolo di estinzione.

Nel 2010, sette bambini stavano facendo il bagno in un piccolo fiume nel nord del Brasile, quando uno dei bambini fu attaccato da un caimano nero di quattro metri. Attirato in acqua, uno dei bambini è morto. Tali incidenti non sono infrequenti in Brasile, dove si registrano morti ogni anno.

4. L’anguilla elettrica

Questo pesce, che non è propriamente un’anguilla, contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, può causare scosse elettriche assolutamente terrificanti, fino a  700 volt, abbastanza per paralizzare un cavallo o uccidere un essere umano.

Lo studioso e scienziato tedesco Alexander von Humboldt fu il primo europeo a descrivere la modalità di attacco di questo animale durante una spedizione in Sud America nel diciannovesimo secolo. “La nostra guida ha preso cavalli e muli e li ha portati in acqua. In circa cinque minuti, due cavalli affogarono. L’anguilla lunga sei piedi sfregava contro il ventre del cavallo dandogli una scossa paralizzandolo ”

5. Il piranha

Terrore in miniatura del Rio delle Amazzoni, il Piranha tende ad attaccare una preda quando è in branco. Attratti dal sangue, sono in grado di rilevare una goccia di sangue in acqua per decine di metri … Una volta attaccata la preda può essere divorata fino all’osso in meno di un minuto, grazie ai denti affilatissimi di questi pesci.

Nel 2013, le temperature in Brasile erano molto calde, quasi 40 gradi. Alcune centinaia di persone stavano facendo il bagno in un fiume, quando furono attaccate da un branco di piranha. Più di 60 persone sono state morse profondamente, fino a perdere le dita dei piedi!

6. Rane velenose (Dendrobates)

Queste rane dai colori sgargianti sono in grado di secernere un potente veleno neurotossico, un alcaloide potenzialmente pericoloso chiamato batrachotossina. I colori molto vivaci della loro pelle permettono loro di essere riconosciuti da potenziali predatori che vengono così informati della loro pericolosità, preferendo evitarli.

La pericolosità di queste rane è proverbiale in Brasile, dove il loro veleno è stato a lungo utilizzato dalle tribù native del paese e spalmato sulle loro frecce da guerra. Oggi questo veleno viene ancora usato per la caccia.

7. Gli squali più pericolosi del mondo

Delle 480 specie di squali identificate in tutto il mondo, lo squalo bulldog è la più aggressiva, a causa del suo comportamento estremamente territoriale. Con i suoi 3,5 metri di lunghezza, attacca tutti i tipi di prede, sia in acqua salata che in acqua dolce.

Lo squalo bulldog è responsabile di quasi l’80% degli attacchi registrati sugli esseri umani, molto più di quelli del grande squalo bianco! Le spiagge di Recife in Brasile sono famose per i loro numerosi attacchi, 56 sono in 20 anni: quasi un record in materia.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Animali più pericolosi, la Top 10: ci sono leone, squalo e qualche killer inatteso

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI