Home News Veterinario condannato per droga: nascondeva l’eroina nei cani

Veterinario condannato per droga: nascondeva l’eroina nei cani

CONDIVIDI

Veterinario condannato per droga a distanza di molti anni: nascondeva l’eroina nei cani, riuscì a scappare, ma ora è stato assicurato alla giustizia.

veterinario condannato
(foto U.S. Drug Enforcement Administration)

Un veterinario di 38 anni, Andres Lopez Elorez, colombiano, è stato condannato per traffico internazionale di droga. Secondo quanto ricostruito, il veterinario avrebbe usato cuccioli come corrieri per la droga. La vicenda era già emersa nei mesi scorsi, suscitando molto scalpore. Nelle scorse ore, l’ultimo atto di questa vicenda, iniziata 14 anni fa con il primo blitz della polizia colombiana: Elorez ha subito una condanna pari a sei anni di carcere. La vicenda è solo l’ennesimo esempio dei tanti metodi usati dai trafficanti di droga per trasportare il prodotto illecito attraverso i confini.

Le accuse al veterinario condannato per traffico di eroina

Nel primo sequestro, quello risalente a 14 anni fa, la polizia entrò in una fattoria di Medellin, sequestrando 17 sacchi di eroina liquida e recuperando un pacchetto di cuccioli di razza che stavano per essere imbottiti con la droga. Il processo al veterinario ha assunto un valore simbolico non indifferente: mentre infatti veniva condannato, i giudici stavano deliberando sul destino di Joaquín Guzmán Loera, il boss della droga messicano noto come El Chapo , che ha acquisito notorietà per le sue nuove tecniche di contrabbando. Quest’ultimo, peraltro, grazie alle sue rivelazioni, ha contribuito a chiarire molti aspetti del traffico di stupefacenti, celati persino in barattoli di peperoncino.

La vicenda del veterinario Elorez è particolarmente sconcertante, come dimostrano le testimonianze al processo: quando i funzionari delle forze dell’ordine hanno trovato i cuccioli – alcuni già pieni di eroina e altri preparati per un intervento chirurgico – hanno cercato di rimuovere i palloncini dai “cani che erano ancora vivi”. Tre cuccioli in seguito morirono, altri hanno trovato una nuova sistemazione, tra cui un Rottweiler che ora è un cane per il rilevamento della droga per la polizia nazionale colombiana, e un beagle che è stato adottato da un ufficiale di polizia colombiano, secondo la Drug Enforcement Administration. Le richieste della pubblica accusa nei confronti del veterinario erano di nove anni, mentre Elorez ha parlato di un complotto nei suoi confronti, una tesi che però non ha convinto i giudici.