Home News Viaggio dell’orrore per dieci tigri dall’Italia a uno zoo in Russia: le...

Viaggio dell’orrore per dieci tigri dall’Italia a uno zoo in Russia: le loro condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:39
CONDIVIDI

Viaggio dell’orrore per dieci tigri dall’Italia, precisamente da Latina, dove sono state vendute a uno zoo di cui si conosce poco in Daghestan, in Russia.

tigri italia russia
Tigre in gabbia Foto Istock

L’associazione Lav ha riportato la notizia di 10 tigri cedute dall’allevamento di un circo di Latina ad uno “zoo in Daghestan (che fa parte della Federazione Russa). Il viaggio che le tigri hanno compiuto è stato effettuato in un modo totalmente irrispettoso sia degli animali che delle leggi vigenti.

Le gabbie in cui viaggiavano non erano idonee al trasporto di questi grandi animali e inoltre il viaggio durava un tempo lunghissimo, 57 ore, senza soste. Gli animali sono anche rimasti bloccati per 6 giorni per questioni burocratiche al confine tra Polonia e Bielorussia. In queste condizioni una delle tigri non ce l’ha fatta.

Viaggio dell’orrore per dieci tigri dall’Italia a uno zoo in Russia: le loro condizioni e la denuncia

La LAV ha provveduto a sporgere denuncia contro ignoti per il trattamento degli animali e per la morte di uno di essi. Le nove tigri superstiti sono state portate all’inizio in uno zoo in Polonia in attesa di una migliore sistemazione.

Cinque di loro, Aqua, Merida, Sofi, Sanson e Toph, sono state portate in un centro di recupero spagnolo chiamato Primadomus, grazie al sostegno e all’intervento di Animal Advocacy and Protection, patner della Lav. Le altre quattro tigri sono state portate in due zoo della Polonia.

Gli animali, nonostante l’epilogo non del tutto felice, sono riusciti a scampare al rischio di finire in uno zoo lager, in un circo russo o ancora peggio vittime del traffico internazionale di animali. Come vi abbiamo spesso raccontato le tigri vengono uccise perché alcune loro parti vengono utilizzate come rimedi nella medicina cinese tradizionale.

Rimane ancora da chiarire perché le tigri siano state vendute allo zoo del Daghestan e se la tigre deceduta sia morta durante le pessime condizioni di viaggio o nell’attesa al confine tra Polonia e Bielorussia. Per chi volesse visionare i video a testimonianza di come erano trasportate, questi sono disponibili sul sito della LAV.

Potrebbero interessarti anche >>> 

T.F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI