Home News Villetta-lager alle porte di Roma: 27 cani in condizioni inaccettabili

Villetta-lager alle porte di Roma: 27 cani in condizioni inaccettabili

CONDIVIDI

Scoperta l’ennesima villetta-lager alle porte di Roma: 27 cani trovati in condizioni inaccettabili, denunciato un uomo di 82 anni.

villetta lager
(foto Polizia di Stato)

27 cani, fra cui 18 meticci adulti, due meticci di 3 mesi e 7 cuccioli di appena cinque giorni di vita, trovati in una villetta a Lanuvio alle porte di Roma: sconcerto per la scoperta fatta dagli agenti del commissariato di Genzano, diretto da Manuela Rubinacci, coadiuvati da personale medico della Asl e della Polizia Locale. In provincia di Roma non è la prima volta che vengono denunciate situazioni simili: nei mesi scorsi, un blitz era partito in due terreni agricoli, situati a Cineto Romano e a Cerveteri, da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia. Anche in quel caso emerse uno scenario sconcertante: cani custoditi in gabbie di fortuna realizzate con reti metalliche, malnutriti ed in gran parte malati.

Leggi anche –> Stoppa: nuovi maltrattamenti in un casolare di campagna alle porte di Roma

Le drammatiche condizioni dei cani nella villetta lager

Per quanto accaduto nella campagna intorno a Roma, a Lanuvio, un uomo di 82 anni è stato denunciato a piede libero con l’accusa di maltrattamenti di animali. Inoltre, su di lui è piovuta l’accusa di detenzione incompatibile con la loro natura. Sconcertanti le condizioni in cui gli animali erano detenuti dall’anziano: erano all’interno di un manufatto maleodorante, con feci e urina sparse ovunque. Gli animali sono stati presi in consegna e sono stati affidati in giudiziale custodia al Canile convenzionato con il Comune. Dunque ancora una volta, ci troviamo di fronte a un caso di animali stipati senza alcuna norma igienica elementare.

A inizio mese, anche grazie all’impegno di Edoardo Stoppa di ‘Striscia la notizia’, vennero rinvenuti 59 gatti in un’abitazione di Roma. “In queste situazioni, purtroppo, ci sono più soggetti fragili: gli animali e una persona che è affetta da una patologia che la porta ad accumulare non solo oggetti ma anche esseri viventi”, aveva commentato il direttore del dipartimento di tutela ambientale di Roma Capitale, Rosalba Matassa.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI