Home News Angeli dei 4 Zampe Violenza sugli animali: bambini inseguono un cane, prendendolo a sassate

Violenza sugli animali: bambini inseguono un cane, prendendolo a sassate

CONDIVIDI
bambini violenti con animali
Cucciola ferita da bambini

Baby gang insegue un cucciolo randagio lanciandogli delle pietre

Una cucciola di neanche un anno, destinata a vivere per strada. Esposta ad innumerevoli pericoli per sopravvivere, quella creatura indifesa non avrebbe mai potuto immaginare di dover temere esseri altrettanto innocenti. L’esemplare chiamata Sister Moonshine vagava per le strade di St Louis quando è stata presa di mira da un gruppo di ragazzini.

I bambini hanno iniziato a lanciarle delle pietre. La povera cagnolina terrorizzata è scappata ma è stata inseguita dai bambini. Cercava di rifugiarsi ovunque fino a quando non è entrata nel recinto di un’abitazione. Per fortuna, una residente ha assistito a tutta la scena, decidento d’intervenire.

All’arrivo della donna, i bambini sono scappati. La testimone si è avvicinata delicatemente alla cucciola per rassicurarla. La cagnolina era ferita ad un arto. Impaurita e tremolante, con la coda tra le gambe, accenava a scodinzolare, in segno di gratitudine.

Sister Moonshine è stata così recuperata dalla gentile signora che l’ha tenuta al sicuro, mettendosi in contatto con un’associazione animalista locale, la  Stray Rescue of St. Louis.

La piccola esemplare è stata recuperata dall’associazione che ha fornito tutte le cure necessarie. I volontari hanno raccontato come sia molto affettuosa e amante delle coccole sulla pancia. Per lei l’inferno per strada è finito. La dolce Sister Moonshine non dovrà più temere nuulla. Quando sarà guarita alla ferita all’arto, la piccola randagia potrà finalmente andare a vivere con la sua nuova famiglia.

violenza sugli animali
Cucciolo inseguito dai bambini

Bambini violenti con gli animali

Purtroppo, la violenza infantile verso gli animali è piuttosto diffusa e comune in tutto il mondo. Gruppi di ragazzi che per noia se la prendono con creature indifese. Per molti si tratta di assenza di educazione da parte dei genitori. Fin da piccoli, ai bambini dovrebbe essere insegnato il rispetto per gli animali. Troppe volte gli adulti giustificano gesti violenti e crudeli. Eppure, in base ai dati, nell’80% dei casi, i killer seriali, fin da bambini sono stati violenti nei riguardi degli animali.

Molte ricerche hanno fatto emergere che i maltrattamenti animali sono sintomo di patologie gravi negli individui che emergono fin dalla tenera infanzia. Comportamento che dovrebbero essere tenuti sotto controllo dai genitori. Quando i bambini dopo i sei anni palesano comportamenti violenti e crudeli sugli animali è un campanello d’allarme sul disagio che stanno vivendo. L’assenza di empatia verso gli animali può portare ad una pericolosità sociale. Ecco perché lo stesso FBI, negli Stati Uniti ha deciso di monitorare il fenomeno di maltrattamento degli animali, paragonandolo ad un “crimine efferato“.

C.D.