Home News Volpi blu in sovrappeso per potenziare la produzione della pelliccia

Volpi blu in sovrappeso per potenziare la produzione della pelliccia

CONDIVIDI

Sono così deformi che non si riesce neanche a distinguere la specie alla quale appartengono. Esemplari che arrivano a pesare fino a cinque volte di più rispetto al loro peso forma in natura. Una condizione di sofferenza e di malessere provocata agli animali che viola qualsiasi legge di tutela sul benessere degli animali negli allevamenti.

Si tratta di volpi argentate allevate per la loro pelliccia. E’ quanto emerge da una recente indagine condotta da una organizzazione animalista in Finlandia, la Oikeutta eläimille (Animal Justice) che ha diffuso con un video denuncia, la realtà nascosta in ben cinque allevamenti monitorati nel paese.

Secondo quando hanno constatato gli attivisti, le volpi sono fatte ingrassare volutamente per aumentare la superficie di pelliccia da sfruttare. Gli animali non solo accusano patologie a livello degli organi ma riescono a malapena ad alzarsi. Immagini che sollevano lo sdegno. Gli animali non vengono rispettati e non solo vivono un breve tempo reclusi nelle gabbie. Gli animalisti hanno spiegato che le volpi argentate in natura pesano all’incirca 3,5 chili. In questi allevamenti, molti esemplari superano i 19 chili. Le volpi sono irriconoscibili e soffrono per mancanza di movimento.

Immediata la replica di Steven Frostdahl, dell’associazione di categoria degli allevatori degli animali da pelliccia. Frostdahl ha voluto ricordare che gli esemplari sfruttati sono frutto di una selezione, evidenziando che le volpi in sovrappeso in realtà facevano parte di un programma in cui erano state messe a dieta.

In ogni caso, la Oikeutta eläimille ha presentato una denuncia con la quale ha chiesto alle autorità locali di effettuare dei controlli con dei veterinari e degli esperti, ricordando che la legge in Finlandia, come in altri paesi, vieta qualsiasi forma di allevamento che provochi sofferenza agli animali. L’organizzazione ha anche invitato i cittadini a boicottare questi prodotti, spiegando che l’83% della produzione che deriva da questi allevamenti è acquistata da Sage Furs fornitore di grossi marchi dell’alta moda come Louis Vuitton, Gucci e Michael Kors.

Orrore produzione pellicce

Ogni anno, circa un miliardo di animali vengono uccisi negli allevamenti per la loro pelliccia, senza considerare invece gli esemplari che sono cacciati in natura. Alcune specie sono destinate a diventare delle pellicce. In altri casi, la pelle viene impiegata negli accessori o come imbottiture per i guanti, le borse o gli stivali. Dalle volpi, ai conigli, passando per i visioni, chinchillas, fino ai cani e gatti. Consentire e assecondare questa mattanza per il superfluo non è più ammissibili.

C.D