Home News WWF contro il Governo per tutelare i parchi nazionali

WWF contro il Governo per tutelare i parchi nazionali

CONDIVIDI

WWF Italia scende in campo oggi per difendere i parchi nazionali italiani che potrebbero essere minacciati da una legge nel caso di promulgazione della stessa. Il decreto verrà discussa alla Camera dopo aver ottenuto una prima approvazione dal Senato, e riguarda il cambio di guardia tra lo Stato e gli Enti territoriali per quanto riguarda il compito di preservare le aree protette. Secondo l’associazione animalista questo fattore rappresenta un grave pericolo e c’è bisogno che il testo venga emendato anziché essere approvato in tutta fretta senza esaminarne le criticità.

Lo afferma Donatella Bianchi, presidente proprio di WWF Italia: “Passare sotto l’egida degli Enti territoriali si corre il rischio di finire ostaggio di logiche partitocratiche e logistiche. Il nostro Parlamento purtroppo sembra proprio non voler ascoltare chi vive certe situazioni più da vicino e le conosce meglio dei suoi costituenti. WWF Italia si appella al buon senso dei deputati chiamati ad esprimersi sulla questione e chiede loro di apporre le modifiche necessarie al testo per non far si che il sistema delle Aree protette venga stravolto e stremato. I nostri parchi protetti possono essere una grande opportunità per lanciare lo sviluppo sostenibile”.

Ecco i punti salienti del testo:

• I Presidenti dei Parchi avranno soltanto generiche qualifiche di gestione amministrativa senza che sia richiesta nessuna competenza in materia di tutela ambientale;
• All’interno del Consiglio Direttivo degli Enti-Parco saranno inserite rappresentanze di portatori di interessi economici, indebolendo gravemente la tutela degli interessi generali rappresentati dallo Stato;
• I Direttori dei Parchi non avranno più una nomina di carattere nazionale ma locale, senza che siano richieste competenze ambientali o naturalistiche e che ne sia garantita l’indipendenza;
• Le Aree Marine Protette saranno sottoposte ad una gestione ancora più disomogenea e disarticolata,  fortemente condizionato dagli interessi locali;
• La gestione della fauna dei parchi non sarà legata alle Direttive comunitarie, aumentando anche le possibilità di coinvolgimento dei cacciatori per gli abbattimenti selettivi.

Potete esprimere il vostro dissenso sostenendo il WWF scrivendo al deputato della vostra Circoscrizione: “S.O.S. Natura d’Italia: Le chiedo d’intervenire sul Disegno di Legge sui Parchi in discussione alla Camera per garantire le piene competenze dello Stato nella tutela e gestione del sistema di aree protette più importante d’Europa. #sosparchi”.

Su Twitter: #sosnaturaditalia con il testo @lauraboldrini @PietroGrasso perché stravolgere la più importante legge italiana per la tutela della natura? #sosparchi con @WWFitalia

Visitate anche il seguente sito web per informazioni: http://www.sorrentopress.it/mobilitazione-del-wwf-in-difesa-dei-parchi-naturali/