Home News Nello Zimbabwe scatta l’allarme: giraffe, ghepardi, rinoceronti a rischio estinzione

Nello Zimbabwe scatta l’allarme: giraffe, ghepardi, rinoceronti a rischio estinzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:24
CONDIVIDI

Alcuni animali come giraffe, ghepardi, rinoceronti e altre specie sono a rischio di estinzione per via delle compagnie minerarie cinesi.

Giraffa
Giraffa (Foto Pixabay)

Nello Zimbabwe, Paese dell’Africa Meridionale, alcuni animali sono a rischio di estinzione. Per alcuni questa non è una notizia nuova data la presenza costante dei bracconieri o dei batteri killer. Ma questa volta la colpa non è né degli uni né degli altri.

A mettere in pericolo la vita e la razza di animali come giraffe, ghepardi, rinoceronti e altre specie in via di estinzione sono le compagnie minerarie cinesi.

Potrebbe interessarti anche: Un duo formidabile: bufaghe e rinoceronti vincono contro il bracconaggio

Nello Zimbabwe scatta l’allarme: giraffe, ghepardi, rinoceronti a rischio estinzione

Curiosità sulla giraffa: 15 cose che non conoscevate di lei (foto Pixabay)

La Zhongxin Coal Mining Group e l’Afrochine Smelting hanno ricevuto dal governo Africano il permesso di avviare la costruzione di strade all’interno del Parco dello Hwange.

Questi è il parco nazionale che ospita quasi il 10 per cento degli elefanti selvatici rimasti in Africa e la costruzione di strade e dunque di abbattimento di alberi e altre risorse naturali può compromettere l’esistenza di questi animali.

Se il progetto dovesse essere realizzato, secondo gli ambientalisti verrà compromesso l’habitat di molte specie rare e questo avrà anche un impatto forte sul turismo dei safari, che è una fonte vitale di reddito per la popolazione locale.

Secondo quanto riferito da Trevor Lane alle colonne del The Guardian, il Hwange “è uno dei più grandi parchi del mondo e le miniere sarebbero in una delle zone più incontaminate del parco”.

Se dovesse andare avanti la realizzazione di questo progetto, dunque, sarà la fine del Hwange Park. Ucciderebbe l’industria del turismo che vale centinaia di milioni di dollari.

Inoltre, esattamente un mese fa, il team di monitoraggio dei rinoceronti del Bhejane Trust ha dichiarato di essersi imbattuto in un team cinese che stava trivellando il carbone senza previa consultazione con il responsabile dell’area.

Gli operatori di Safari e i gruppi di conservazione sono in allerta e avvertono che qualsiasi tipo di miniera danneggerebbe l’ambiente e gli animali del Hwange.