Home News Italia Zona Rossa: posso prendere in adozione o affido un cane o...

Italia Zona Rossa: posso prendere in adozione o affido un cane o un gatto?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:46
CONDIVIDI

Posso prendere in adozione o affido un cane o un gatto secondo il Decreto del 8 marzo che rende l’Italia zona rossa? Vediamo quali sono le disposizioni.

 Zona Rossa adozione cane gatto
Italia Zona Rossa: cosa dice il decreto Conte in merito all’adozione o all’affido di un cane o un gatto (Foto Pixabay)

Portare un nuovo cane o gatto a casa richiede pianificazione. Fortunatamente, questo è qualcosa che la maggior parte della gente fa. Quando una persona incontra e sceglie un cane o un gatto da portare in famiglia, probabilmente subito dopo comincia ad acquistare per esso le ciotole per il cibo e per l’acqua, una cuccia per il cane o una lettiera per il gatto, un guinzaglio e un collare e forse alcuni giocattoli.

Una persona che sta per adottare un animale domestico molto coscienziosa, probabilmente ha anche già fissato il primo appuntamento dal veterinario e forse ha anche parlato con l’intera famiglia per stabilire le regole, come chi gli fa da mangiare e lo porta a spasso e così via. Magari ha già allestito uno spazio della casa o un’intera stanza per esso, dove mettere tutti i suoi giochi, la lettiera o la cuccia, un pouf, ecc.

Italia Zona Rossa: posso prendere in adozione o affido un cane o un gatto? Vediamo cosa dice il DPCM

Italia Zona Rossa affido adozione cane gatto
Italia Zona Rossa: cosa dice il decreto Conte in merito all’adozione o all’affido di un cane o un gatto (Foto Pxhere)

Chi sta per adottare o prendere un affido un cane o un gatto in questo momento dovrà rimandare l’arrivo del nuovo animale domestico in famiglia a causa della quarantena imposta in tutta Italia a causa dell’emergenza coronavirus?

Non solo i negozi e i privati cittadini sono sottoposti a delle restrizioni con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8 marzo 2020 ma anche le colonie feline, i canili, i gattili e i rifugi di animali. Gli affidi devono essere rinviati, tranne quelli “inderogabili per il benessere degli animali”. Se chi è titolare di un canile, gattile o di un rifugio decide che l’affido è indispensabile per l’animale deve assumersi la responsabilità di questa scelta. Gli altri affidi devono essere rinviati “fino a 30 gg a partire dal 2 marzo”. 

Il DPCM prevede altre restrizioni per queste strutture come spiegato nei nostri articoli “Italia Zona Rossa, cosa succede a canili, gattili e rifugi” e “Italia, zona rossa: come accudire le colonie feline e cosa si rischia”.

Potrebbero interessarti anche:

Teresa Franco