Home Social Alpinista salva cani smarriti in alta montagna: “Era una corsa contro il...

Alpinista salva cani smarriti in alta montagna: “Era una corsa contro il tempo”

CONDIVIDI
Alpinista salva cani
Un alpinista salva cani smarriti a costo della propria vita

Un alpinista salva cani e diventa un vero e proprio eroe. Anche perché le condizioni ambientali aveva reso tutto decisamente molto più complicato. L’uomo si chiama Scott Pilling, ha 37 anni e da moltissimo tempo si dedica alla sua attività preferita di scalatore. È una persona abituata ai climi estremi ed alle temperature sotto lo zero. Ma stavolta la sua escursione è risultata essere decisamente particolare. Scott si trovava sulla terza vetta più alta d’Inghilterra quando ha notato dei cani. Quegli animali sono decisamente fuori luogo da quelle parti e non è certo abituale vederli bazzicare ad una tale altitudine. Da quanto si apprende, i quattrozampe erano dispersi e si erano smarriti da due giorni.

Scott in effetti era entrato in azione apposta, dopo aver letto il messaggio di una donna che parlava della scomparsa dei suoi due cani. E così ha deciso di mettersi alla loro ricerca allo scopo di salvarli. Gli animali messi alla fine al sicuro si chiamano Cash – un meticcio – e Lilah – un Pastore Tedesco. Per arrivare sul posto ha sostenuto anche un tragitto in auto di 150 km circa. Ma il tempo stringeva, visto che erano già passate 48 ore e tutto stava per diventare una corsa per la sopravvivenza. La colonnina di mercurio sul picco è costantemente al di sotto dello zero. E Scott ne era consapevole. Con lui c’erano anche altri compagni di scalata ed alla fine hanno individuato Cash e Lilah. Si trovavano alle pendici di un burrone a quasi mille metri di altezza.

Alpinista salva cani

Alpinista salva cani, la loro padrona incredula: “È il mio eroe!”

L’alpinista, ad impresa compiuta, rivela anche di aver seguito una precisa strategia. Sapeva che la parte orientale della montagna, che è anche quella meno sicura, non era stata controllata. Poi quando ha scorto i due cani ha anche notato che rispondevano ai suoi fischi scodinzolando ed abbaiando. “Il cane più grande aveva protetto quello più piccolo, li ho trovati così. Se fossero rimasti per più tempo non li avrei trovati vivi. Ad ogni modo non riesco a credere di averci azzeccato, nonostante il mio ragionamento fosse giunto”, ha detto Scott. E la proprietaria dei cani salvati dall’alpinista, la 27enne Colette Kilroy, non ha creduto a sua volta ai propri occhi. “Scott avrà per sempre la mia gratitudine. È il mio eroe, ha rischiato la sua vita per i miei cani”. In un altro caso due cani si proteggevano a vicenda. Ed anche questa storia ha suscitato altrettanta ammirazione sul web.

A.P.