Home Social Il cane poliziotto sarà come un agente umano, merito della Finn’s Law...

Il cane poliziotto sarà come un agente umano, merito della Finn’s Law – FOTO

CONDIVIDI

cane poliziotto

I cani poliziotto sono considerati molto più che semplici animali da parte di chi ha la fortuna di lavorarvi accanto giorno dopo giorno. L’ennesimo esempio arriva dal dipartimento di polizia di Lonoka, che ha porto l’ultimo, grande omaggio ad un quattrozampe il cui destino è stato purtroppo segnato da una grave malattia. Ma per la Legge questi esseri sono diversi dalle persone. C’è però una svolta che arriva dalla Gran Bretagna, dove il cane poliziotto Finn è rimasto quasi ucciso in seguito ad una operazione atta a catturare un ladro. Quest’ultimo ha pugnalato il quattrozampe ferendolo quasi in maniera letale.

Il Pastore Tedesco di 9 anni di età si era lanciato all’inseguimento del malintenzionato assieme al suo collega umano. Ed aveva raggiunto il manigoldo proprio mentre questi stava scavalcando un muro. Finn è stato abile però a fermarlo e a trascinarlo a terra addentandogli una gamba, ma il ladro ha estratto un coltello colpendo il cane. Nonostante stesse sanguinando ed avesse una ferita di 20 cm di profondità, Finn ha usato tutte le sue forze per mordere (intanto è stato ferito anche alla testa) e fermare una volta per tutte il malintenzionato, che nel frattempo si era scagliato anche contro l’agente. In questo modo gli ha salvato la vita.

Cane poliziotto, è da considerare a tutti gli effetti come un agente umano

Ed è giunta una svolta dicevamo. Si, perché adesso è in discussione la ‘Finn’s Law’. Una legge nata in seguito ad una petizione online che aveva raccolto 130mila firme e che ha portato alla creazione del reato di ‘ferimento di cane poliziotto’. Il ladro che l’agente a quattro zampe aveva fermato mettendo a repentaglio la propria vita aveva ricevuto infatti soltanto 4 mesi di carcere. Ed il fatto di aver fatto del male all’animale non era stato preso in considerazione dal giudice. Ciò aveva suscitato grande sdegno nell’opinione pubblica. Ma adesso si è posto rimedio. Ed ora un cane che presta servizio con le forze dell’ordine verrà considerato a tutti gli effetti come un agente.

Finn ha dovuto affrontare una convalescenza molto lunga. Per fortuna la coltellata aveva intaccato un polmone in maniera tale che un intervento chirurgico avrebbe potuto ristabilire la situazione, nonostante ci sia voluto poi del tempo. È anche ritornato in servizio riuscendo a fermare un altro ladro. Ma è stato uno dei suoi ultimi servizi resi alla comunità fra i 200 compiuti in 9 anni di onorata carriera, dal momento che è sopraggiunto il momento di andare in pensione.

S.L.