Home News Cane salvato da una buca: ci sono voluti 3 giorni, 7 uomini...

Cane salvato da una buca: ci sono voluti 3 giorni, 7 uomini ed una scavatrice – VIDEO

CONDIVIDI

cane salvato

Si è fatto tutto il possibile in una circostanza che avrebbe potuto avere un risvolto drammatico e che riguarda un cane salvato. Il tutto è accaduto in una località della Scozia, dove un quattrozampe si era infilato all’interno di una tana scavata da una volpe. L’animale poi è rimasto intrappolato senza alcuna possibilità di potere uscire. E sulle prime si è davvero temuto per la vita di Charlie. È questo il nome del cane salvato, un Terrier che era stato impiegato durante una missione di controllo delle volpi nel territorio di una tenuta.

Per fortuna al suo collare aveva applicato un sonar attraverso il quale ne venivano registrati i movimenti. Ma per trarre in salvo Charlie ce ne è voluto di tempo. Sono stati infatti impiegati per tre giorni, durante i quali sette uomini si sono dati da fare per raggiungerlo e portarlo al sicuro. In alcuni frangenti queste persone hanno scavato anche a mani nude. Il cane salvato era finito in un crepaccio sotto terra, a tre metri e mezzo circa di profondità. Ci si è serviti anche di una piccola scavatrice per eliminare il terreno più duro. Per fortuna Charlie se l’è cavata solamente con tanto spavento. Ora è stato rifocillato e curato, e si trova già nelle braccia del suo padrone.

Cane salvato, non è stato l’unico animale: in Messico c’è andata di mezzo un cucciolo di tigre

Altrove nel mondo però è successo un altro più episodio ben più incredibile. Il tutto si è verificato in Messico, nei pressi di una dogana. Qui gli agenti in servizio erano stati attirati verso un pacco dai loro cani antidroga. Difatti i ritrovamenti di sostanze stupefacenti sono praticamente all’ordine del giorno. Solo che i quattrozampe avevano fiutato non la droga, ma un animale. Vivo! Si trattava di un cucciolo di tigre, sedato ed apparso in uno stato di totale disidratazione. Evidentemente qualcuno lo ha spedito per posta pensando di farla franca. Gli animali esotici infatti non possono essere commercializzati. In questo modo invece il mittente ha provato ad eludere i controlli sperando che il pacco non venisse intercettato. E sarebbe stato così se non fosse stato per i cani poliziotto.

A.P.

Guarda il video