Home Social Cani uccisi, quattrozampe ammazzato a Vercelli con colpo di pistola alla testa

Cani uccisi, quattrozampe ammazzato a Vercelli con colpo di pistola alla testa

CONDIVIDI
cani uccisi
Diversi sono i cani uccisi in circostanze brutali negli ultimi tempi: ora ecco un altro caso

I fatti che coinvolgono cani uccisi si susseguono con un ritmo preoccupante.

Gli episodi che riguardano cani uccisi o maltrattati, e che vedono protagonisti allo stesso modo altri animali in generale, sono purtroppo all’ordine del giorno. Purtroppo l’ultima vicenda del genere riguarda un quattrozampe che è stato ritrovato privo di vita tra le località di Rovasenda e Gattinara. Siamo in provincia di Vercelli. E quello che più inorridisce in questo orribile caso in cui a rimetterci la vita è stato un essere indifeso è che chi ha compiuto questa atrocità ha sparato al povero animale alla testa. A bruciapelo.

È bastato un singolo colpo per ammazzare il cane, come se si fosse trattato di una esecuzione sommaria, di una condanna a morte. La vittima a quattro zampe è stata tenuta immobilizzata con una corda, allo scopo di impedirle di fuggire. E poi qualcuno ha premuto sul grilletto di un’arma da fuoco e lo ha centrato in piena fronte. Per poi andarsene via indisturbato, come se niente fosse. L’associazione animalista AIDAA, venuta a conoscenza del fatto, ha allora intrapreso una iniziativa forte ma dal valore simbolico altrettanto vigoroso.

Cani uccisi, è il momento di farla finita

È stata infatti istituita una taglia di cinquemila euro per colui – o coloro – che saranno in grado di fornire informazioni utili affinché il mostro che si è macchiato di questo orribile delitto possa essere rintracciato ed assicurato alla giustizia. Unici paletti: non verranno ritenute valide informazioni anonime, allo scopo di cautelarsi da eventuali approfittatori che possano pensare di intascarsi i soldi mentendo. E non saranno prese in considerazione informazioni che non saranno seguite da una regolare denuncia presentata alle forze dell’ordine. È in corso una indagine intanto, sulla quale vige uno stretto riserbo.

Resta da valutare se sarà possibile potersi avvalere anche di eventuali riprese da parte di telecamere a circuito chiuso di sicurezza magari presenti nella zona interessata. Riguardo ad altri cani uccisi, come detto gli episodi si sono susseguiti con un ritmo preoccupante. Sia in Italia che nel resto del mondo. Dalle nostre parti si è verificata una cosa simile nel Milanese poche settimane fa. E poi c’è stata una vicenda simile anche in provincia di Vicenza.

A.P.