Home Social Disoccupazione Italia, ditta del Nord non trova impiegati

Disoccupazione Italia, ditta del Nord non trova impiegati

CONDIVIDI
Disoccupazione Italia
Disoccupazione Italia, la Grafica Veneta non trova forza lavoro

Disoccupazione Italia, il paradosso di una azienda veneta che offre posti importanti. “Ma nessuno accetta”.

La disoccupazione in Italia è una piaga annosa, che affligge il nostro Paese da decenni. Purtroppo di governo in governo nessuno è mai riuscito a trovare una soluzione per una problematica che da sempre causa la fuga di molti nostri concittadini all’estero. Le modalità di questo fenomeno si sono adattate ai tempi, cambiando in maniera consequenziale. Dagli emigrati con la valigia di cartone si è passati alla fuga ‘dei cervelli’ dei giorni nostri. E questo perché in Italia di opportunità non ce ne sono. Eppure qualche controtendenza esiste, ma purtroppo non basta. Ce lo dimostra il caso di una azienda del Nord, la ‘Grafica Veneta’, i cui vertici fanno sapere di averle provate tutte pur di reperire la forza lavoro di cui avrebbero bisogno. La ditta ha sede a Padova e si occupa di stampe. Il quotidiano ‘Il Mattino’ di Padova parla della vicenda riportando le dichiarazioni del titolare, Fabio Franceschi. L’imprenditore ha ammesso che è riuscito ad assumere solamente 4 persone sulle 25 richieste.

Disoccupazione Italia, i posti sicuri che nessuno vuole

“Questo è un grosso problema in quanto i piani della Grafica Veneta sono impantanati e ci costringono a rinunciare ad entrate consistenti, pari ad almeno 10 milioni di euro”. La Grafica Veneta occupa una certa posizione nel proprio mercato di riferimento. “La paga media di un nostro dipendente si attesta sui 1400 euro al mese, ed assumiamo a tempo indeterminato“. Alla luce di ciò, Francheschi non sa darsi una risposta sul perché nessuno abbia risposto alla sua richiesta. “Eppure le abbiamo tentate tutte, pubblicando annunci, rivolgendoci ad agenzie interinale, fino anche a contattare personalmente dei potenziali candidati. Ma nulla. Alcuni ci hanno detto di aver già trovato una occupazione remunerativa, altri che non volevano lavorare sui turni”.

A.P.