Home Social Lecce, cane maltrattato: il padrone gli ha tagliato le orecchie ‘per fini...

Lecce, cane maltrattato: il padrone gli ha tagliato le orecchie ‘per fini estetici’

CONDIVIDI

cane maltrattato

Un uomo della provincia di Lecce aveva perpetrato a maltrattamenti davvero odiosi il proprio animale domestico. Si tratta di un cane le cui orecchie erano state amputate esclusivamente per fini estetici. La cosa è avvenuta a Taurisano, nel territorio inglobato in provincia della città salentina. Questa persona è stata ora ricevuta da un provvedimento di denuncia per maltrattamento di animali. Tra l’altro si tratta di un individuo già noto alle forze dell’ordine per dei reati commessi in precedenza. Adesso si trova a piede libero, ma resta la denuncia ricevuta dalle guardie zoofile ‘Agriambiente’ di Nardò oltre che dagli agenti di polizia del commissariato di Taurisano.

Le forze dell’ordine ed i volontari animalisti erano intervenuti scoprendo che assieme al cane maltrattato ve n’era anche un altro. A quello con le orecchie amputate poi mancava qualsiasi documentazione che ne giustificasse tale atto ai fini veterinari. L’animale è stato sequestrato. Questa azione del tutto immotivata ai danni di un animale può comportare una multa salatissima. La cifra è compresa fra i tremila ed i quindicimila euro. In alternativa è possibile la reclusione fra i tre mesi ed l’anno in caso di condanna. Lo precede la legge 189/2004 art. 544 ter.

Cane maltrattato, dalle amputazioni indiscriminate al traffico illecito sono diversi i casi

Sempre in Puglia si è avuto un altro caso di cani maltrattati. Stavolta a subire la condotta violenta dettata dalla stupidità umana sono stati diversi cuccioli. Una 54enne ed un 49enne, entrambi di Barletta, sono stati fermati dalle forze dell’ordine mentre trasportavano a bordo della loro vettura ben 23 animaletti. Partiti da Andria, i due malfattori hanno incontrato sul loro tragitto un posto di blocco all’altezza di Cesena. Qui le autorità hanno scoperto a bordo della loro Nissa Qashqai gli animaletti. Tutti ovviamente tenuti in condizioni igienico-sanitarie penose. Adesso sono stati sequestrati e condotti tutti in un canile della città romagnola. Ma non finisce qui. Ciclicamente emergono storie relative il traffico illecito di cuccioli. A dicembre era stata la volta di circa 16 cagnolini, scoperti a Valmontone, in provincia di Roma. Erano di varie razze e provenivano dall’Est Europa. Ma tanti altri sono i precedenti

A.P.