Amorequattrozampe

Quelle sfumature di rabbia nelle espressioni facciali del gatto

martedì, 14 novembre 2017

Un gatto diventa aggressivo per diversi motivi, addirittura alcune ricerche hanno correlato il colore del manto dei gatti con fattori del loro comportamento.  Tuttavia, prima di scagliarsi con tutte le sue forze, il gatto comunica alcuni segnali di avvertimento. Ci sono espressioni delle quali non si può dubitare e che se da una parte Felix vuole apparire “minaccioso” e a dire il vero a volte può rivelarsi pericoloso, quelle espressioni facciali, con lo sguardo da “cattivissimo me” sono irresistibili.

Insomma, proviamo ad immaginare una creatura miniatura che “fa l’arrabbiata”. Impossibile non farci intenerire da quell’odio profondo che in quel momento vorrebbe comunicare. Di sicuro, meglio non provocare ulteriormente quell’adorabile batuffolo che potrebbe essere il peggiore dei nemici. Piuttosto, imparare a riconoscere quelle sfumature e quei segnali è importante anche per capire lo stato emotivo del proprio gatto e risalire alle cause del suo malessere. Infatti, un gatto si arrabbia per diversi motivi e attraverso i segnali, intende tenere lontano da sé persone i altri animali. Potrebbe trattarsi di una patologie o di ferite più lievi, qualche infezione o fastidio provocato da dolori anche di artrosi.

Al di là di problemi di salute, il gatto potrebbe avere un carattere difficile, avere semplicemente un’indole selvatica e arrabbiarsi in varie circostanze: potrebbe essere geloso oppure innervosirsi durante il gioco arrivando ad attaccare mani e braccia.  Non ci sono rimedi per calmare un gatto nervoso. Inutile utilizzare parole dolce o carezza, questo alimenterà ulteriormente il disagio del piccolo felino domestico. Meglio lasciarlo “cuocere nel proprio brodo” e tenersi a dovuta distanza per una ventina di minuti. Spesso alle espressioni di rabbia, il gatto associa il movimento della coda. A differenza dei cani che muovono la coda anche per esprimere la loro gioia, per i gatti si tratta di un sintomo di nervosismo. Per non parlare del loro sguardo “killer” che parla da sé!

C.D.

Ecco una simpatica galleria fotografica con la quale scoprire quando felix sta per “esplodere”.


Commenti