Home Non solo Cani e Gatti Enorme carcassa di un gigante marino rinvenuto in Indonesia

Enorme carcassa di un gigante marino rinvenuto in Indonesia

CONDIVIDI

Un’enorme carcassa di un animale marino è stata rnvenuta nei pressi di Hulung, sull’isola di Seram, in Indonesia. Un uomo di 37 anni, Asrul Tuanakota, che stava pescvando con la sua barca si è accorto della gigantesca carcassa lunga una quindicina di metri che galleggiava sulla superficie dell’acqua.

Il pescatore ha dato l’allarme e sul posto sono intervenute le autorità per rimuovere i resti in decomposizione dell’animale, probabilmente identificato in una specie di calamaro gigante.Alcuni hanno avanzato l’ipotesi che si potesse trattare anche di una balena.

Il corpo dell’animale arenato lungo la spiaggia ha colorato di sangue l’acqua attorno a sé, come emerge dal filmato condiviso in rete e ripreso da numerosi giornali esteri.

Secondo le indiscrezioni, l’animale sarebbe morto tre giorni prima del suo ritrovamento. Ad oggi le cause del decesso non sono state confermate e i ricercatori stanno proseguendo le loro analisi. Infatti, come riporta l’Independent.co.uk, la morfologia dell’animale presenterebbe un mistero. Il Capo del dipartimento dell’Istituto oceanografico di Sakhalin, Nikolay Kim, ha addirittura sottolineato che la testa ha delle similitudini con quella di un delfino così come il tipo di pelle: “Dubito che sia una specie che vive nelle nostre acque. Molto probabilmente è stato trascinato dalle correnti di acqua”, ha precisato Kim.
Il Daily Sun ha ricordato come molti esemplari giganti siano stati rinvenuti anche lungo le coste in Inghilterra, come il ritrovamento di uno squalo di quasi 8 metri trovato nel mese di aprile 2017,in Cornovaglia. Nel mese di febbraio di quest’anno, nelle Filippine è stato trovato un gigantesco ammasso di materia un po’ viscida di un specie non identificata che arrivava a pesare quasi due tonnellate.

In ogni caso, dal Sud America al Giappone ci sono stati diversi casi in cui animali marini giganti sono stati trovati in superficie come testimoniano diversi video reperibili anche in rete.