Home Non solo Cani e Gatti Mamma gorilla abbandona il branco per salvare il suo cucciolo

Mamma gorilla abbandona il branco per salvare il suo cucciolo

CONDIVIDI
@The Dian Fossey Gorilla Fund

Siamo in Ruanda, nei monti Virunga dove da diversi anni, un gruppo di ricercatori della The Dian Fossey Gorilla Fund osserva un gruppo di gorilla. Nel mese di maggio, tuttavia è venuto a mancare
Silverback il gorilla leader del branco. Da quel momento, le dinamiche interne sono iniziate a cambiare al punto che molte gorilla femmine si sono separate e unite ad altri branchi.

Infatti, il nuovo leader per dimostrare la sua autorità ha anche ucciso dei cuccioli per sottomettere le femmine del branco. Tra queste, vi era anche una neo mamma, di nome Pasika, un esemplare di 26 anni, che nel mese di marzo ha dato alla luce ad un cucciolo chiamato Mashami.

Per non sottomettersi e per proteggere il suo cucciolo, Pasika ha lasciato il suo branco, sfidando da sola le insidie della giungla. Temendo per il suo cucciolo, Pasika non si è unita ad altri gruppi e sta cercando di crescere da sola il piccolo Mashami.

Un comportamento raro e davvero “notevole” per i ricercatori che non hanno mai assistito ad un comportamento del genere.

“Non c’è nulla di così potente in questo mondo come l’amore di una madre per il suo figlio”, hanno commentato i ricercatori.

“Normalmente, i gorilla di montagna femminili come Pasika passano l’intera vita a vivere in gruppo e si affidano al maschio adulto per proteggere i loro piccoli”, ha spiegato il Dian Fossey Gorilla Fund (DFGF) in un comunicato stampa, sottolineando che “se il capobranco muore, il gruppo potrebbe restare unito se un altro maschio assume la leadership, altrimenti le femmine si trasferiscono immediatamente in un altro gruppo e non vivranno mai da sole”.

Questo è quanto è stato osservato fino ad oggi, fino a quando Pasika non ha dimostrato il contrario: “Ciò che sta facendo Pasika mette in evidenza la grande empatia, intelligenza e adattabilità dei gorilla di montagna. È chiaro che Pasika riconosce i rischi che incorre trasferendosi in un altro gruppo con il suo cucciolo e sta evitando di farlo con estrema determinazione”, aggiunge il Dfgf.

Pasika è stata soprannominata “Wonder Woman” dai ricercatori, preoccupati per il destino di questa femmina con il suo cuccioli. In generale sono i capobranco che forniscono protezione alle femmine e quindi, non sanno per quanto tempo, Pasika possa sopravvivere da sola con il piccolo Mashami.

La madre con il suo cucciolo sono osservati dai ricercatori che sono rimasti colpiti dallo straordinario istinto della madre gorilla: “C’è ancora così tanto da imparare su uno dei nostri più stretti parenti viventi. Pasika ci ha mostrato che queste prodezze di coraggio non si limitano alla nostra stessa specie. E rafforza anche quello che tutti sappiamo essere vero per noi umani – che non c’è nulla di altrettanto potente in questo mondo come l’amore di una madre per il suo bambino”, ha “, ha concluso la dott.ssa Tara Stoinski, presidente e responsabile scientifico del DFGF.

C.D.