Home Cani King charles spaniel: un adorabile fedele compagno

King charles spaniel: un adorabile fedele compagno

CONDIVIDI


Il King charles spaniel deriva dai piccoli Spaniel che esistevano in Inghilterra sin dal XVII secolo, impiegati sia come cacciatori sia come cani da compagnia, e prediletti dalle dame di corte. Uno di questi piccoli cani fu trovato tra le pieghe della gonna di Maria Stuarda dopo la sua decapitazione. I suoi probabili progenitori sono gli Spaniel giapponesi (Chin) regalati dai missionari portoghesi alla principessa del Portogallo, moglie di Carlo II.

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE:

È un “toy spaniel” elegante e compatto, dalla struttura squadrata. Il cranio è grosso in proporzione alla taglia, a cupola, pieno sopra gli occhi; il muso molto corto e rialzato. Lo stop è ben definito. Gli occhi, molto grandi e scuri, sono ben distanziati. Le orecchie, attaccate basse, sono portate pendenti lungo le guance, lunghe e ben frangiate. La chiusura dei denti è leggermente prognata, ma non deve assolutamente fuoriuscire la lingua. Gli arti sono corti e diritti, muscolosi. La coda, ben frangiata, non deve essere mai portata sopra al livello del dorso; può essere amputata. Pelo: lungo, diritto e serico. È ammessa una leggera ondulazione. Arti, orecchie e coda sono ben frangiati. Colore: a seconda della varietà, nero-focato (black and tan), rosso intenso unito (ruby), a macchie castane su fondo bianco puro (blenheim) o tricolore. Taglia: nello standard è indicato soltanto il peso ideale, che va da 3,6 a 6,3 kg.

CARATTERE E ATTITUDINI:

È un cane socievolissimo, allegro e felice di vivere, ma come il “cugino” Cavalier King Charles spaniel è capace di “sparire” quando capisce che il padrone non ha tempo da dedicargli. In generale, comunque, è più tranquillo del Cavalier e spesso preferisce i cuscini alle corse sfrenate. È un ottimo compagno per i bambini: essendo meno irruento del Cavalier, si adatta meno di lui ai più grandicelli ma è più indicato per i piccolissimi, che sopporta con estrema pazienza. In casa è pulito e discreto e non è un abbaione.

SALUTE E CONSIGLI:

Purtroppo l’esasperazione del tipo ha portato qualche inconveniente: sono particolarmente delicati gli occhi, che vanno tenuti sempre puliti, e le orecchie, facili a irritazioni e ulcerazioni. A causa della canna nasale cortissima può avere problemi respiratori, specie al caldo. Le femmine hanno difficoltà a partorire naturalmente. È un cane che deve vivere in casa, facendo però il giusto esercizio fisico. Gli allevatori moderni, ben conoscendo i problemi di salute che affliggono questo cane, stanno molto attenti a limitarli il più possibile. La razza però ha subito un deciso calo e oggi non è molto rappresentata: resta quello che in fondo è sempre stata, una “razza d’élite” che va acquistata solo se ce ne si innamora davvero.