Home Cani Le infezioni delle vie urinarie nel cane

Le infezioni delle vie urinarie nel cane

CONDIVIDI

cane malato

Si tratta di una patologia molto dolorosa per i nostri adorabili 4zampe che colpisce soprattutto gli esemplari femmine. Le infezioni delle vie urinarie (IVU) sono molto comuni e nella maggior parte dei casi sono provocate da diversi batteri che entrano nel tratto urinario del cane e che risalgono attraverso l’uretra fino alla vescica urinaria. Non contenti, alcuni batteri potrebbero proseguire la loro corsa lungo il tratto urinario, passando dalla vescica attraverso gli ureteri e insediandosi nei reni.  Tra i batteri più comuni vi sono gli Escherichia coli, Staphylococcus, Proteus, Enterococcus, Klebsiella, Streptococcus, Enterobacter, Chlamydia e Pseudomonas

Ci sono diverse tipologie di infezioni batteriche che variano in base all’organo colpito: l’infezione batterica della vescica viene chiamata cistite, mentre l’infezione batterica nei reni è la pielonefrite, quella della prostata è nota come prostatite e quella dell’uretra come uretrite.

Oltre ai batteri, le infezioni urinarie possono essere provocate da altri fattori o organismi come funghi, micoplasmi, virus, alghe e vermi parassiti tra i quali i Capillaria plica.

SINTOMI- Come accennato prima, si tratta di una patologia dolorosa che può essere individuata attraverso differenti sintomi: minzione frequente, formazione e passaggio di una grande quantità di urina, aumento della sete, sforzo durante la minzione ed eccessiva urgenza di urinare, difficoltà ad urinare, incontinenza, urine torbide e maleodoranti, presenza di sangue nelle urine, letargia, svogliatezza, perdita di appetito, febbre, infiammazione e irritazione della regione genitale esterna, pulizia frequente della zona genitale mediante leccamento e secrezioni vaginali

TRATTAMENTO- Tra i trattamenti più comuni vi è la somministrazione dell’antibiotico ad ampio spettro prima di sottoporre l’urina ad una esame da laboratorio. Dopo la coltura delle urine e gli esami del sangue potrà essere somministrata una cura con antibiotici mirati ai tipi di batteri che hanno infetto le vie urinarie. Dopo il trattamento, di norma dovrà essere eseguito un altro esame per valutare la totale scomparsa dei batteri. Inoltre dovrà essere scartata qualsiasi altra condizione che potrebbe provocare più facilmente l’insorgenza delle infezioni come calcoli vescicali o renali.
Le infezioni fungine primarie nel tratto urinario sono più difficili da trattare anche se sono meno comuni delle infezioni batteriche.