Home Cani Un cane in casa aiuta a combattere le allergie e l’asma nei...

Un cane in casa aiuta a combattere le allergie e l’asma nei bambini

CONDIVIDI

bambino cane

Molte ricerche hanno messo in evidenza i benefici dei cani sulla salute dell’uomo (clicca qui), sfatando i miti sulla trasmissione di malattie, per cui a differenza dei luoghi comuni, baciare un cane aiuterebbe a rafforzare il sistema immunitario (clicca qui).

Ad avvalorare questa tesi, un nuovo studio svedese, pubblicato sulla rivista Jama Pediatrics con il quale viene dimostrato che grazie ai 4zampe si riduce il rischio di asma per i bambini. La ricerca ha considerato migliaia di casi di asma nei bambini, una patologia in costante aumento, analizzando i dati sulla salute di ben 650mila bambini e il loro stile di vita, confrontati con il registro nazionale dei proprietari dei cani.

E’ emerso che i bambini che sono cresciuti a contatto con un cane tendono a sviluppare meno l’asma, rispetto ad altri coetanei che vivono senza animali: ovvero nei primi sei anni di vita, il 13% in meno di bambini con cani hanno riscontrato dei problemi.

Ecco perché, la ricercatrice Tove Fall, epidemiologa dell’università di Uppsala, ha rassicurato i genitori in attesa di un figlio: “Chi adesso è in attesa di un bambino, o ci sta solo pensando, non deve preoccuparsi di tenere in casa un cane o un cucciolo, se lo desidera”. Tuttavia, ammonisce la Fall, è meglio evitare di prendere un cane se i bambini hanno già un’allergia, sottolineando di “non prendere un cane per curare il vostro bambino. Non funziona e probabilmente peggiora l’allergia”.

La ricerca si è basata sulla tesi per cui le malattie atopiche (di origine allergica) sono legate anche a fattori ambientali, come l’esposizione a microbi e allergeni comuni. Ma il legame sarebbe inverso ovvero meno vi è esposizione più vi è il rischio di formazione dell’allergia. Non a caso, le allergie sono aumentate nel periodo del benessere che ha indebolito il nostro sistema immunitario rendendolo meno tollerante a sostanze contro le quali non ha senso che reagisca il nostro organismo come la polvere, il pelo del gatto, i pollini e alimenti comuni.

Ecco perché dallo studio è stato confermato che i bambini di campagna sono più forti e crescere in una fattoria, o insieme agli animali, riduce del 50% il rischio di asma.