Home Cronaca Cane scappa e la padrona lo ritrova morto: veterinari gli praticano eutanasia

Cane scappa e la padrona lo ritrova morto: veterinari gli praticano eutanasia

CONDIVIDI
FOTO – screenshot

E’ letteralmente sconvolta una donna di Long Island, celebre zona di New York, in seguito alla eutanasia praticata sul suo cane di 13 anni raccolto quando era un randagio. Jessica De La Rosa ha affermato: “Ieri il mio cane era qui con me e adesso non c’è più. Ed io non posso fare niente per riportalo indietro. Il quattrozampe si chiamava Oso ed era sprovvisto di microchip.

La ragazza dice che Oso si era allontanato dal giardino di casa sua a Freeport venerdì mattina, e subito aveva contattato tutti i rifugi locali per chiedere informazioni su un possibile avvistamento. Fino alla chiamata al canile di Hempstead, che la aveva informato del fatto che Oso era stato sottoposto ad Eutanasia.

Il motivo era da ricercare in una grande massa cancerosa che affliggeva il povero animale e che lo stesso riusciva a malapena a camminare, inoltre erano state trovate delle tracce di sangue nella sua urina ed aveva un aspetto vistosamente sofferente. Tutto questo è bastato ai veterinari per praticargli una morte indotta. Jessica descrive Oso come un cane amorevole, che mai ha assunto comportamenti aggressivi in passato, e parlando dei suoi problemi di salute ha fatto cenno all’artrite per curare la quale il cane stava seguendo una specifica terapia.

Una visita veterinaria dello scorso anno non aveva portato alla luce nessun cancro o altri sintomi che potessero ricondurre alla malattia, e lei stessa afferma di essere infuriata per questa scelta che non l’ha vista interpellata da nessuno.

Un portavoce del Comune di Hempstead di contro ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Dopo una consultazione tra il personale veterinario della nostra cittadina e quelli di una clinica per animali privata presente sul territorio, si è convenuto che l’eutanasia ha rappresentato la scelta migliore per questo cane che mostrava chiari segni di sofferenza e sembrava essere contraddistinto da una qualità della vita notevolmente bassa.”

A proposito di cani, due splendidi pastori tedeschi cercano una famiglia dalle nostre parti.