Home Cronaca Rapisce il cane della ex per vendetta e chiede un riscatto

Rapisce il cane della ex per vendetta e chiede un riscatto

CONDIVIDI

I Carabinieri hanno provveduto ad inoltrare una denuncia nei confronti di un uomo di 45 anni. E c’entra un animale in tutto ciò. Nella fattispecie il 45enne, un residente nei Quartieri Spagnoli di Napoli, aveva rapito il cane della donna con la quale aveva concluso da poco una relazione. Tutto questo per ripicca. E non contento le ha chiesto un riscatto per poter rivedere l’animale sano e salvo. La donna però non si è persa d’animo, rivolgendosi al 112. Ci è voluto davvero poco perché tutto finisse bene. Le forze dell’ordine si erano accordate con la vittima per intervenire al momento del versamento illecito di denaro. E così tutto è finito bene, con il malintenzionato bloccato nonostante abbia provato anche a fuggire. Oltre a beccarsi una denuncia per tentata estorsione, questa persona dovrà rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale.

Dognapping, ovvero rapimenti di cani: un triste fenomeno che sta diventando sempre più frequente in Italia e non solo

I casi di ‘dognapping’, ovvero di rapimenti di cani a scopo di estorsione, non sono rari. Questo triste fenomeno era molto diffuso in particolar modo nel Nord Europa, per poi proliferare anche da noi. Episodi del genere in Italia stanno diventando sempre più frequenti. Per quanto riguarda l’estero, una famiglia della Normandia aveva dovuto pagare un riscatto per ritrovare vivo e vegeto il proprio cucciolo di tre mesi di razza Cavalier King, una femmina di nome Myrtille.

Stessa cosa è successa anche a fine 2016 in Gran Bretagna, con un boxer di 2 anni, Finn, al quale la sua famiglia era molto legata. All’improvviso il cane sparisce e due giorni dopo arriva la richiesta da parte di un malvivente di voler avere ben 15mila sterline in cambio della restituzione del cane. Somma della quale le vittime non disponevano, e dopo un breve negoziato col ladro, che ha nel frattempo rifiutato una proposta di 4mila sterline, si è deciso di aprire una pagina di crown founding per ottenere i soldi necessari alla liberazione. Purtroppo certa gente non si fa alcuno scrupolo a lucrare sulla vita di animali innocenti. Così come non le interessa arrecare dolore nelle persone che magari da anni hanno accudito i loro amati cani.