Home Gatti I gatti non sono poi grandi predatori quando si tratta di cacciare...

I gatti non sono poi grandi predatori quando si tratta di cacciare dei topi

CONDIVIDI
gatto predatore topi
Gatto e topo

I gatti sono  identificati per essere l’antagonista per eccellenza del topo, ma i gatti domestici non mangiano  necessariamente i topi ma tendono più a “giocare” con loro.

Al contrario di tutto ciò che si è sempre pensato i gatti preferiscono di gran lunga cacciare gli uccelli.

In ogni singolo episodio di Tom & Jerry vediamo un  gatto che cerca di catturare e mangiare un topo.

Il che non è del tutto veritiero, o meglio è veritiero per quanto riguarda la caccia perché, effettivamente per un gatto è veramente difficile catturare un topo.

I gatti mangiano ratti e roditori?

I gatti selvatici sono noti per uccidere  prede anche più grandi di loro. Non è insolito per un gatto selvatico cacciare e uccidere conigli e altri piccoli animali della stessa taglia.

Ma i gatti domestici tendono a perdere parte delle loro abilità di caccia.

Per quanto riguarda i ratti, sono avversari formidabili.

Hanno un forte morso e i loro denti sono piuttosto pericolosi. Hanno anche artigli che non sono retrattili,  qualsiasi graffio rischia di provocare una ferita sporca al gatto  che potrebbe diventare pericolosa infettandosi.

Anche i ratti come i gatti  hanno una buona destrezza e sono veloci, rendendo il compito molto difficile al gatto ” avversario”  anche se sono più piccoli.

 I gatti vengono generalmente utilizzati nelle fattorie in quanto lasciano tracce di profumo dappertutto che spaventano i ratti, ma generalmente non cacciano molto spesso. Un gatto ucciderà un topo e ci giocherà piuttosto che mangiarlo.

Gatti per combattere i topi

Lo sostiene uno studio guidato dalla Fordham University, negli Usa, e pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution effettuato su un centro di riciclaggio di rifiuti di New York invaso da gatti randagi.

I ricercatori hanno osservato i comportamenti sia dei gatti che dei topi.

Prima dell’invasione di gatti randagi la squadra stava studiando una colonia formata da più di 100 ratti che infestava il centro di riciclaggio, microchippandoli per studiarne le abitudini.

Avendo studiato e distinto mediamente 8 comportamenti abituali dei ratti, sulla loro direzione di movimento, gli studiosi erano interessati a capire se l’arrivo del felino portasse il ratto a cambiare qualcosa nel suo comportamento.

I ricercatori hanno esaminato 306 video con immagini catturate in 79 giorni, notando che i topi hanno cercato evidentemente di evitare incontri ravvicinati con i gatti.

Anche se i gatti erano proprio vicini alla colonia di ratti, si sono verificati solo 20 cacce al topo con un tasso di mortalità di 2 su 20.

Il che non significa che il gatto non sappia cacciare il topo, ma deve essere affamato e non avere alternative alimentari meno rischiose.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>Per le strade di New York, un topolino fa impazzire un gatto

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI